Novembre 28, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Van Gogh derubato: banda italiana sospetta arrestata a Dubai

ROMA – Uno degli uomini più ricercati d’Italia, un sospetto spacciatore, è stato arrestato a Dubai due settimane fa con l’accusa di aver acquistato al mercato nero due dipinti di Van Gogh rubati, ha detto la polizia giovedì.

La polizia di stato italiana e la polizia criminale finanziaria hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che Rafael Imperial è stato arrestato il 4 agosto come fonte chiave del sindacato della criminalità organizzata con sede a Napoli Comora. Il 46enne Imperial è stato detenuto negli Emirati Arabi Uniti, mentre il ministero della Giustizia italiano ha completato il processo di estradizione.

Il ministero dell’Interno italiano ha affermato che l’uomo era ricercato per traffico internazionale di droga dal gennaio 2016 nell’ambito di una serie di crimini organizzati dalle autorità italiane. Era considerato uno dei latitanti più pericolosi e ricercati d’Italia.

La polizia ha detto che era anche ricercato per riciclaggio di denaro imperiale. Nel 2016, due dipinti di Van Gogh, trafugati nel 2002 dal Museo di Amsterdam, sono stati nascosti in una fattoria in una proprietà di proprietà dell’Imperial nella sua città natale di Castellamare di Staphia, vicino a Napoli.

Secondo la polizia, “la ricchezza accumulata illegalmente lo ha aiutato a comprare due preziosi dipinti di Van Gogh al mercato nero”. La polizia ha citato il furto del 1882 del Museo Van Gogh di Amsterdam come “Vista del mare da Schweinningen” e “Uscita dalla chiesa di Nuenen” del 1884-1885.

La Guardia di Finanza italiana ha trovato due quadri avvolti in carta di cotone in una scatola nascosta dietro un muro del bagno. Queste opere sono state scoperte in connessione con la confisca dei beni dall’Imperial e un altro famoso sito di droga Camora.

READ  Le città d'arte italiane ti sorprenderanno ancora

All’inizio di quest’anno ha rilasciato un’intervista al quotidiano imperiale napoletano “Il Mattino” in cui ha negato qualsiasi coinvolgimento nel furto dei dipinti. Ha detto di aver acquistato le opere per la sua passione per l’arte.