Luglio 1, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Una mafia italiana che correva da 20 anni è stata avvistata per strada

L’italiano, in fuga da vent’anni, è stato confuso in Spagna da una ricerca di Street View

Fuggito per 20 anni, un lampo e un ritorno in prigione. Gioacchino Gammino, uno dei latitanti mafiosi più ricercati d’Italia, è stato arrestato e incarcerato la scorsa settimana nella periferia di Madrid. Dopo essere stato giudicato almeno insolito per un’organizzazione come l’indagine antimafia del Paese.

Senza ergastolo, l’uomo, oggi 61enne, è scappato dal carcere di Repubbia a Roma e si è nascosto sotto falso nome nella cittadina di Galapagos, vicino alla capitale spagnola, Madrid, con una popolazione di 25.000 abitanti. Si sposò lì e scambiò la sua vita come colpevole di un imprenditore, inclusa la gestione di un parrucchiere, un ristorante e un negozio di alimentari.

“Come mi hai trovato?” “

Ma “Come mi hai trovato? Sono passati dieci anni da quando ho chiamato la mia famiglia”, avrebbe detto alla polizia il 17 dicembre, giorno del suo arresto. Avrebbe litigato con l’ufficiale di polizia, mostrando una foto sfocata di stesso disponibile.

“La fotografia ci ha aiutato a confermare l’indagine che stavamo crescendo in modo tradizionale” Tuttavia si è qualificato il vicedirettore della Polizia antimafia italiana.

Membro del clan Stida, ha scontato l’ergastolo per mafia ribelle, omicidio di Giochino Camino, traffico di droga e associazione mafiosa, è evaso dal carcere e si è servito delle riprese di un film. Fu arrestato per la prima volta nel 1984 e tornò in prigione nel 1998 fino alla condanna per omicidio. Potrebbe essere espulso alla fine di febbraio per non essersi presentato nel 2003.

READ  Petrucci si è pentito di aver salutato il popolo italiano