Settembre 16, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un boss mafioso italiano, evaso nel 2019, è stato arrestato in Brasile

All’età di 54 anni, Rocco Morabito è considerato il boss della mafia calabrese ‘Entrangetta. È stato attivamente ricercato dalla sua fuga dal carcere in Uruguay nel 2019.

Ha scritto l’articolo

Inserito

Aggiornare

Tempo di studiare: 1 minuto.

È uno dei criminali più ricercati in Italia. Il leader della mafia italiana Rocco Morabido, un trafficante di droga evaso da una prigione uruguaiana nel giugno 2019, è stato arrestato lunedì 24 maggio nella città di Joao Pessoa (nord-est) in Brasile, affermano le autorità. Arrestato Rocco Morabito, presunto boss della Ndrangheta (mafia calabrese) “Con un altro latitante italiano”, la cui identità non è divulgata, a “Indagine congiunta tra Brasile e Italia”, Secondo la polizia federale brasiliana (PF).

La Corte Suprema ha disposto l’arresto di un uomo di 54 anni, oggetto del bando rosso dell’Interpol, per aver fatto parte di un’organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di droga dal 1988 al 1994. È stato accusato di traffico di droga in Italia, vendita a Milano, poi tentativo di importare 592 kg di cocaina dal Brasile nel 1992 e 630 kg nel 1993.

Rocco Morabido è ricercato dai tribunali italiani dal 1995, accusato di associazione illecita e traffico di droga, e condannato a 28 anni di reclusione, dopodiché la sua pena è stata aumentata a 30 anni di reclusione. L’italiano, considerato uno dei dieci criminali più ricercati al mondo, è stato arrestato nel settembre 2017 in un hotel di Montevideo dopo aver soggiornato per 13 anni in un resort uruguaiano di lusso in Uruguay, a 140 km dalla capitale.

READ  7 migliori libri per imparare l'italiano முறை Generation Journey

Nel 2004, l’Uruguay ha ottenuto i documenti emettendo un passaporto brasiliano a nome di Francisco Capelto. È stato finalmente scoperto dopo aver iscritto sua figlia al college sotto la sua vera identità. La giustizia uruguaiana gli ha permesso di essere espulso in Italia nel 2018, ma nel giugno 2019 è riuscito a fuggire attraverso il suo tetto dalla prigione centrale di Montevideo e da allora è in fuga.