Gennaio 22, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Someone, il film italiano di successo internazionale su Netflix

Classificato al 5° posto tra i film più visti su Netflix, il film italiano deve il suo successo alla piattaforma di streaming. “Yara” racconta la tragica notizia italiana della scomparsa e dell’omicidio di una ragazzina di 13 anni, Yara Comprasio, vicino a Bergamo nel 2010.

Dopo tre giorni sul grande schermo nelle sale, il film italiano “Yara” ha ricevuto il suo maggior successo sul sito di streaming Netflix il 5 novembre.
Con oltre 200 milioni di abbonati in 200 paesi del mondo in 10 giorni, il film di Marco Tullio Giordana è salito al 5° posto tra i film più visti in scena. Il cinema italiano è 1° in Italia, ma soprattutto 2° in Spagna, 3° in Francia, 6° negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

Qualcuno, però, si occupa di una storia poco conosciuta all’estero, anche se purtroppo ben nota in Italia. Il film descrive la scomparsa e l’omicidio di qualcuno Campercio vicino a Bergamo nel 2010 quando una ragazza di 13 anni lascia una palestra a 700 metri da casa sua. Del resto, racconta la storia di un’indagine complessa e senza precedenti che è riuscita a risalire al profilo genetico del killer.

Affare qualcuno, storia di un processo eccezionale

direttore di Cento passi e I nostri anni migliori Ha descritto il dolore che ha travolto l’Italia intera tra la scomparsa di qualcuno nel novembre 2010 e il ritrovamento inaspettato di un corpo tre mesi dopo, il 26 febbraio 2011, a 10 km da Prembet de Chopra (vicino a Bergamo). Le tracce del DNA scoperto sarebbero di scarsa utilità senza un file che le confronti. Il magistrato Ledicia Rugeri, come spiega Isabella Ragonis, è riuscita a rimuoverlo conducendo una vasta e costosa indagine genetica, che ha permesso di raccogliere migliaia e migliaia di campioni per estrarre il DNA del responsabile. L’autore dell’omicidio è in carcere dal 16 giugno 2014. È stato condannato all’ergastolo da un tribunale di Assisi nel luglio 2016 e non ha smesso di dichiararsi innocente.

READ  Marna. Alla scoperta della lingua di Dante: l'italiano si insegna a Montmeal