Settembre 16, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Shakespeare batte su Dante, l’italiano e i suoi 4000 anglicani.

Gli italiani chiamano sempre più l’inglese nella loro lingua quotidiana alcuni neologismi derivanti da epidemie; Abbiamo visto l’origine delle parole “locking” o “smartworking”.

Bruce de Calsen riferisce sul corrispondente di Radio France da Roma in Italia:

“Anche il presidente del Consiglio italiano _Mario Tracy sembra preoccuparsi della sua lingua. Il 12 marzo – ha guidato il governo solo per un mese e ha pronunciato uno dei suoi primi discorsi – ha ripreso davanti al suo pubblico: “Per chi ha un’attività che non consente la consegna (l’editore dichiara che è smartworking), (… ) offriamo contributi per l’infanzia.” Il leader poi fa una pausa e si chiede: “Mi chiedo perché dovremmo usare queste parole inglesi?_. “

Mario Draghi: “Perché dovremmo usare l’inglese”? © Maxppp
Filippo Attili / Ufficio Stampa CG Palace / Dispensa

I linguisti vogliono una legge.

“I giovani non si preoccupano della propria lingua, ma vedono gli anglicani come un’apertura al mondo. _Lo scrittore e linguista Antonio Sopetti è molto preoccupato. Da trent’anni legge dizionari: “Nel 1990 c’erano circa 1.700 anglicani, e nel 2021 saremo 4.000._In una generazione “spiega”, abbiamo importato 2.300 parole inglesi, il che significa tutto nuovo: 50% di parole inglesi nei neologismi Secondo Antonio Sopetti, che ha deciso di presentare una petizione al Parlamento come previsto dall’articolo 50 della Costituzione, l’inglese è usato principalmente dai media. “Ottieni la legge per proteggere la lingua italiana minacciata Abusando dell’inglese. “Ma se la petizione fosse stata depositata, ora un membro del parlamento dovrebbe accoglierla per discutere la legge, cosa che non è ancora avvenuta. Includere la lingua italiana nella costituzione Viene menzionata anche la bandiera italiana. “

Quindi gli italiani saranno in pericolo? Da ciò può apparire una specie di creolo. Questo fenomeno di neologismo è ben noto in Corsica senza bisogno dell’inglese. Il corso e il francese, il conflitto e le parole francesi sono scivolose in corso e viceversa. Per quanto riguarda la lingua corsa, i neologismi richiesti per la lingua di tutti i giorni non sono per lo più dal francese, ma naturalmente dall’italiano, ma come quest’ultimo, abbiamo ora visto, tratto dall’inglese, vedi – ogni parola inglese nell’espressione parlata è presto o scritta corsa , perchè no?

READ  Una sottile miscela di conoscenza italiana, artigianato e industria