Gennaio 22, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Repubblica Democratica del Congo | Rispedito in Italia il corpo dell’ambasciatore italiano ucciso nell’attentato

(Roma) I corpi dell’ambasciatore italiano ucciso a est della Repubblica Democratica del Congo e della sua guardia del corpo sono arrivati ​​a Roma martedì sera, all’indomani dell’attentato di Kinshasa, i ribelli del Rwanda Hut hanno negato ogni implicazione.




Albert Gampole e Alexis Hugood
Società di media francese

Il Boeing 767, aereo militare in partenza dall’aeroporto di Coma, capitale del nord Kiwi, è atterrato all’aeroporto di Siampino vicino alla capitale italiana poco dopo le 23, trasportando i corpi dell’ambasciatore e di un giovane sicario avvolto in una bara. La bandiera verde-bianco-rossa è stata issata dalla televisione di stato Roy e dall’agenzia di stampa Ansa.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi de Mayo e il segretario alla Difesa Lorenzo Curini si sono recati a Siampino con a bordo la moglie dell’ambasciatore e le loro tre figlie.

L’ambasciatore Luca Attanasio, 43 anni, è stato colpito a morte e ferito mentre il convoglio del Programma alimentare mondiale (Wfp) stava viaggiando in un’imboscata nella provincia settentrionale del Kivu (est) vicino al confine con il Ruanda. Anche la sua guardia del corpo italiana Vittorio Igovacchi e l’autista congolese del WFP Moustaba Milambo sono stati uccisi.

A Kinshasa, il presidente congolese Felix Shisekedi e sua moglie, Denis Niagara Sisegedi, hanno visitato la casa dell’ambasciatore e hanno offerto una “visita di conforto” alla vedova e al giovane orfano.

A Roma, papa Francesco ha sottolineato le “qualità umane e cristiane” dell’ambasciatore e ha reso omaggio a due italiani “servi della pace e della legge”.

Confine con il Ruanda

Il nord Kivu è considerato una delle aree più pericolose della RDC ai margini del Parco nazionale di Virunga. Ma secondo gli ufficiali degli aiuti, il convoglio non aveva bisogno di una scorta per il percorso che percorreva.

READ  Il DJ italiano Connor fa causa a McGregor per aggressione e percosse

Lunedì le autorità congolesi hanno accusato i ribelli hutu ruandesi dell’Esercito di liberazione democratica del Ruanda (FDLR), con sede nella RDC orientale, di essere responsabili dell’attacco, descritto dal presidente Cicedi come un “terrorista”.

Ma in una dichiarazione all’AFP martedì, i ribelli delle FDLR hanno negato il coinvolgimento: “Esortiamo le autorità congolesi e Monusco (missione delle Nazioni Unite nella RDC) a far luce sulle responsabilità di questo famigerato massacro invece di accuse urgenti”.

Vicino a Coma, al confine con il Ruanda, le FARDC (Forces Armées de la RDC) e […] Forze di sicurezza ruandesi “(Esercito ruandese).

Gli insorti affermano che “la responsabilità di questo efferato massacro risiede nella linea di queste due forze”.

Costituite all’inizio degli anni 2000 per combattere il regime di Kigali, le FDLR sono uno dei numerosi potenti gruppi armati nella RDC orientale che minacciano i civili quotidianamente. Alcuni dei fondatori delle FDLR hanno partecipato al genocidio dei tutsi in Ruanda nell’aprile-luglio 1994, si sono rifugiati nella RDC orientale e hanno destabilizzato permanentemente la regione.

Secondo un esperto del Kivu Defense Barometer (KST), “Le FDLR sono vicine al luogo dell’attacco. È probabile che i ribelli ruandesi siano responsabili dell’attacco “, ha detto all’AFP.

AK-47 e coltello

Sulla National Highway 2, molto vicina al confine ruandese, un convoglio di veicoli che trasportava l’ambasciatore è stato attaccato in un’area densamente boscosa dove i confini non sono irrigati.

Funzionari congolesi e ruandesi negano formalmente la presenza di truppe ruandesi al confine con la RDC.

Secondo il presidente congolese, il convoglio è caduto in un’imboscata nell’area di Rutshuru, a circa 3 chilometri dal suo obiettivo, il comune di Gwangcha.

READ  L'uso di McKinsey non è passato

“Dopo aver evacuato gli occupanti del veicolo e averli seguiti, sono andati lontano nel parco (Virunga) e hanno sparato a uno dei conducenti in un attacco di panico, dopo di che hanno sparato colpi di avvertimento”, ha detto la dirigenza.

Allertati, ranger e soldati congolesi circostanti hanno iniziato a cercare gli aggressori. “A distanza di 500 metri (dal luogo dell’attentato) i rapitori hanno sparato alla guardia del corpo (italiana), morta sul colpo, e ferita all’addome verso l’ambasciatore”.

Secondo il WFP, nel convoglio c’era anche Rocco Lyon, vicedirettore dell’agenzia per la RDC.