Novembre 28, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Pointe-è-Callière | accento italiano di Montreal

Dipendente dalle biciclette, la città è appassionata di cucina e caffè, e l’orticoltura sta guadagnando costantemente popolarità, insieme ai suoi artisti… Montreal sembra avere un po’ di italianità, senza dubbio 280.000 persone di origine italiana. Il Museo Pointe-à-Callière è il contributo della comunità alla metropoli che ha voluto mettere in luce attraverso la sua nuova mostra. Stile italiano Montreal.


Simone Sabot

Simone Sabot
premere

Per celebrare l’eredità della comunità italiana a Montreal, il museo ha riunito 325 oggetti donati da 46 istituti di credito, tra cui una quarantina di famiglie talvolta riluttanti a partecipare con loro per tutta la durata della mostra, che proseguirà nel ‘2022.

Tra queste famiglie c’era il cantante Marco Colliari, che qualche anno fa portò dall’Italia la croce, e una strana medaglia della nonna paterna. “Questa è una medaglia distribuita ai genitori dal regime di Mussolini”, spiega. I fascisti volevano incoraggiare le nascite e c’era un bonus di 3000 bugiardi per una donna, 5000 bugiardi per un ragazzo e chiamando un bambino Benito come Deuce. Un gancio d’argento è stato aggiunto al nastro della medaglia per ogni neonato.

Foto di Martin Chamberland, The Press

Come circa 40 persone, anche la famiglia del cantante italiano di Montreal Marco Collieri ha prestato gli oggetti presenti in mostra, quindi la croce è stata portata dall’Italia alcuni anni fa.

Mostra Stile italiano Montreal Si svolge in una sala, divisa in cinque zone e racconta la storia dei primi italiani giunti in città alla fine del XIX.e Secolo, l’evoluzione della società al corso degli italo-montrealisti, tra cui Baridon Gino Quilico (che ha presentato il suo Grammy Award), il pittore Guido Molinari, l’attrice Marina Orsini, l’animatrice di El Josie de Stacio e l’ex politica Lisa Frulla. , il giornalista Pierre Foglia o l’autore-compositore-attore Gino Vannelli

READ  Il futuro del pedale italiano è assicurato

Una lunga storia

“La maggior parte degli immigrati italiani è arrivata nel Paese tra la fine della seconda guerra mondiale e la fine degli anni Sessanta, per lo più via nave. Saturno, ha ricordato il project manager Samuel Morrow. Molti erano lavoratori stagionali, specialmente quelli in costruzione, che alla fine si stabilirono a Montreal e in seguito portarono con sé le loro famiglie. ”

Alcuni cognomi italiani sono entrati nella fantasia collettiva del Quebec nel XX secolo.e Secolo: Gattuso, Catelli, Saputo. All’ingresso della mostra possiamo anche vedere alcuni vecchi oggetti legati a questi marchi. Le case abbandonate del Vecchio Continente includono grandi chiavi di ferro e souvenir portati dall’Italia dagli immigrati. E strumenti di lavoro…

Inoltre, la mostra mette in evidenza il ricco contributo degli scultori italiani al patrimonio religioso del Quebec. “Negli anni ’50, Montreal aveva più di 10 laboratori di scultura gestiti da italiani”, afferma Anne Élisabeth Thibault, direttore generale di Pointe-Call-Calliere. La loro tecnica di intaglio del gesso ha prodotto risultati incredibili ed è stata più primaria della scultura in legno praticata qui. “Lo Studio Ninjeri, i cui pezzi sono in mostra, ha decorato decine di chiese in Quebec, e il suo fondatore Guido Ninjari ha ricevuto il soprannome di “Montreal Michelangelo”.

Tradizione viva

  • Foto di Martin Chamberland, The Press

    Guido Ninjeri, soprannominato “Michelangelo di Montreal”, ha contribuito a decorare decine di chiese in Quebec. I tre pezzi al centro di questa foto sono stati prodotti dal suo studio.

  • Questo fornello a mofat risale al 1957 ed è ancora utilizzato ogni anno per la produzione di conserve di pomodoro.  Una famiglia ha accettato di prestarlo al Museo Pointe-à-Callière fino al gennaio 2022.

    Foto di Martin Chamberland, The Press

    Questo fornello a mofat risale al 1957 ed è ancora utilizzato ogni anno per la produzione di conserve di pomodoro. Una famiglia ha accettato di prestarlo al Museo Pointe-à-Callière fino al gennaio 2022.

  • La tabella elenca i nomi di circa 200 Montreal di origine italiana che sono stati considerati dal governo canadese come una minaccia alla sicurezza del paese durante la seconda guerra mondiale.

    Foto di Martin Chamberland, The Press

    La tabella elenca i nomi di circa 200 Montreal di origine italiana che sono stati considerati dal governo canadese come una minaccia alla sicurezza del paese durante la seconda guerra mondiale.

  • Questa medaglia è stata donata ai genitori durante il regime fascista di Benito Mussolini per promuovere la nascita.  Ogni anello rappresenta un neonato.

    Foto di Martin Chamberland, The Press

    Questa medaglia è stata donata ai genitori durante il regime fascista di Benito Mussolini per promuovere la nascita. Ogni anello rappresenta un neonato.

  • La macchina da cucire di Angelina de Bellow, che insegnava la televisione in italiano, inglese e francese.

    Foto di Martin Chamberland, The Press

    La macchina da cucire di Angelina de Bellow, che insegnava la televisione in italiano, inglese e francese.

  • Le bande di ottoni apparvero in Quebec attraverso gli italiani e le loro processioni religiose.

    Foto di Martin Chamberland, The Press

    Le bande di ottoni apparvero in Quebec attraverso gli italiani e le loro processioni religiose.

1/ 6

La maggior parte degli oggetti in mostra, anche se ricchi di storia, non possono essere considerati oggetti d’antiquariato. “Sono ancora usati oggi”, sottolinea Anne Elizabeth Thibault, che cita specificamente un vecchio fornello mofot del 1957, che è brillante come un centesimo che il proprietario usa ogni anno per i suoi pomodori in scatola. La mostra si concentra sulla trasmissione della cultura italiana alle nuove generazioni, soprattutto attraverso la cucina.

E la cultura italiana si sta diffondendo fuori dalla comunità. Pensiamo alla pizza o alla salsa di pomodoro. Ma anche alle bande musicali apparse in Quebec attraverso gli italiani e le loro processioni. O nei caffè.

Occupano il loro posto anche ottimi luoghi come caffè e luoghi di ritrovo, dove sono protagonisti il ​​calcio italiano (appartenente alla famiglia CF Montreal Saputo) e il ciclismo. Il museo ha scelto di commemorare alcuni dei momenti più difficili della storia italiana di Montreal perché sono stati anche al centro di un acceso dibattito: la controversia sulla lingua di insegnamento dell’epoca, Act 101 (che la maggior parte degli italiani ha preferito), ad esempio, ha inviato i propri figli alle scuole inglesi, ma soprattutto una minaccia alla sicurezza del Paese durante la seconda guerra mondiale Considerata la reclusione di circa 200 italo-montrealesi. Una tabella mostra i loro nomi.

Dopo questa guerra, gli italiani formarono a lungo una seconda minoranza a Montreal, dietro i cittadini di origine britannica. Quindi non sorprende che la loro presenza abbia contribuito a plasmare la città, crede lo storico Bruno Ramirez, emigrato qui dall’Italia nel 1978. Vediamo tracce di questo stile italiano in cucina, ma non nell’architettura, per esempio. Montreal, città italiana? Quindi in qualche modo è vero.

Stile italiano MontrealCittà archeologica e storia di Montreal, Pointe–Callière, fino al 9 gennaio 2022

> Visita il sito di Pointe–Callière