Novembre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Nasce l’acceleratore franco-italiano per migliorare le PMI

Questa è la prima: grazie all’acceleratore franco-italiano, le PMI francesi e italiane possono ora collaborare e crescere a livello internazionale. Insieme a Pfifrance Insieme a CDP – Cassa Deposito e Prestity (Fondo Italiano Depositi) e l’acceleratore franco-italiano ELITE hanno lo scopo di aiutare la crescita delle imprese.

A partire dal 2021 per un periodo di 18 mesi, il programma offre una selezione di 20 PMI industriali francesi e 20 PMI italiane dei settori automobilistico, manifatturiero di lusso, chimico, metallurgico e farmaceutico.

Si tratta di un innovativo programma di supporto che mira a fornire risposte ad esigenze concrete ed operative:

  1. Aumentare la cooperazione bilaterale nella catena del valore;
  2. Stimolare l’innovazione e la digitalizzazione condividendo le migliori pratiche e un approccio comune all’innovazione;
  3. Promuovere gli investimenti transfrontalieri tra le imprese francesi e adottare una nuova cultura del finanziamento;
  4. Condividere la cultura aziendale per sviluppare capacità di gestione e muoversi in ambienti interculturali;
  5. Gestire la gestione di un sistema trascendentale e i suoi impatti culturali.

Forte partnership

L’Italia è il terzo maggior cliente e terzo fornitore della Francia. La Francia è il secondo cliente e secondo fornitore dell’Italia. L’Italia è il terzo più grande investitore straniero in Francia e il più grande investitore in R&S in Europa. L’ecosistema franco-italiano si traduce in 3.800 filiali dislocate su entrambi i versanti, creando 380.000 posti di lavoro e raggiungendo gli 86 86,4 miliardi di scambi nel 2018 e 100 miliardi di euro di quote di IDE.

La presenza italiana in Francia è fortemente legata all’industria della moda, dell’energia, della meccanica, delle apparecchiature medico-chirurgiche, del software e dell’informatica. Nel 2019 i nuovi piani di investimento italiani sono aumentati del 26% rispetto all’anno precedente. Erano 118 nel 2019 e 94 nel 2018. A livello industriale, l’Italia è la seconda industria e il secondo esportatore in Europa. Il suo ecosistema industriale è composto da 5,3 milioni di aziende, di cui 3.000 aziende di mercato medio e circa 200.000 aziende di esportazione. La loro organizzazione attraverso distretti industriali ha costruito la reputazione e le prestazioni del settore economico italiano. Oggi, 156 distretti industriali generano un fatturato di 79 miliardi di euro.

READ  Georges Presence, l'italiano che si è ignorato?

Paesi culturalmente vicini, Francia e Italia, hanno molti punti di forza negli stessi settori industriali. Questa partnership rafforzerà ulteriormente la cooperazione e creerà opportunità reali di crescita e sviluppo per le PMI in entrambi i paesi.

<<< Leggi di più: PME: I principali dirigenti digitali non sono solo per i grandi clienti! >>>