Dicembre 9, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mosaic racconta la storia degli uomini e del lavoro con Pietro Fawcett, italiano a Never

C’è sempre una storia dietro la semplice parola “mosaico”. O meglio storie. La storia di uomini e famiglie. La storia di una tradizione che trascende i confini. La storia dell’arte e della tecnica. Per dimostrarlo, viaggiare dall’altra parte della terra non è obbligatorio. Tutto quello che devi fare è guardare le facciate, guardare i pavimenti e guardare i muri intorno a te in molte città francesi come Never, Saint-Honor–Les-Bains. Moulins-sur-Allier, Guarda quante monarchie, orleans, antipus… arte o realizzazioni di utilità ci sono.

In Never, questo universo a mosaico non è sfuggito all’attenzione della guida-docente Mary-Christine Wallet nel tradizionale servizio di animazione della città di Never. Nello specifico, la storia di Pietro Fourette, un mosaicista italiano, si trova negli studi 4 e 6 nella città di Ducal, Rue du Laice (ora Rue des Franks-Capital).

La storia affonda le sue radici in Friuli

Il suo interesse per questo friulano non è recente. Quando era giovane, quando andava in treno a studiare per Digione, in questo corridoio musivo sotterraneo, cospirava sempre con la firma di Pietro Bowret. “Ha firmato i suoi successi, ed era importante per lui. Era come mostrare una storia, la sua storia, la storia di tutto il Friuli”, dice Mary-Christine. In tribunale, a Never, il pavimento della Rotonda (stanza per le scale perdute) è ricoperto da un mosaico di Pietro Fawrett.

Se oggi si può dire che è il risultato di molte ricerche a partire dal 1997. Infatti, dopo aver studiato lingue, letterature e civiltà straniere in italiano a Digione, Maria-Cristina parte per Siena. Incontri casuali, si è ritrovata in un’agenzia di viaggi a Never, “Mi ha permesso di viaggiare ovunque. Come logico seguito, sono passato alla professione di docente, che mi ha “costretto” a lavorare in molti campi come economia, scienza, geografia, arte… e nel 1997 ho visto questo mosaico di Fawrett. Chiamata la città d’arte e storica. Uno dei frontoni di vecchie e nuove gallerie è la fabbrica di cioccolato Les Ballats d’Or … “

Questa opportunità può ispirarlo a conoscere meglio questo artigiano nato a Sequels in Italia nel 1871. Era più di un’ora dalla sua città natale a Venezia Pietro Bowret. “Faceva molto caldo. Davanti alla chiesa c’erano un parroco, un sindaco e un mosaicista in pensione”. Mary-Christine non farà nulla per fermare la ricerca di quest’uomo. “Quello che mi interessa e ancora interessa è l’uomo, ma, oltre a questo, è l’energia di un intero popolo. “ Da Pietro Fourette e dalla moglie Oswalda ebbe tre figlie: Gisela, Marcella e Rosina Anna.

Questa partenza rappresenta uno sfogo del bisogno economico, “di mostrare orgoglio nel proprio business. Sanno dove stanno andando, con le famiglie. Sono sistemi reali. Si tratta di un popolo deportato, a volte di appena 8 anni, già autorizzato ad andare in Francia con i propri figli piccoli per scoprire mosaicisti o “terrari”. Fu il caso di Pietro, che passò per diverse città, tra cui Saint-Etienne, e arrivò a Never nel 1885 o nel 1886. Lì lavora con gli anziani che gli insegnano un sapere condiviso da queste famiglie friulane. “Durante questo periodo, il mosaico è stato ripreso prima di diventare più industriale, con una decorazione minima negli anni 1930/1935”, osserva Mary-Christine. “Questi italiani hanno mantenuto questa tradizione di restaurare e preservare i mosaici mentre erano in Francia, che era opera di dipinti e pietre”.

“Un uomo amorevole”

Pietro Bowrett appartiene a questa classe di uomini che creano una vera famiglia di lavoratori e allo stesso tempo mostrano compassione per i lavoratori. “La cosa interessante è questa collaborazione tra workshop. È quasi ampia. L’aiuto reciproco è importante. Fawcett ha questo approccio patriarcale, nel senso buono della parola, come difensore. Pietro Forret è un membro dell’Art Emulation Team e partecipa a tali banchetti nel 1922. Foto DR (Archivio Dipartimentale).

Pietro Fourett, che eccelle, fa proprio questo con il suo laboratorio a Never. Si vede dalla strada con questi meravigliosi mosaici sulla facciata dello studio. Non c’è un elenco per mostrare la conoscenza, ma queste mura sono coperte da Tessara. “In realtà, questi sono i modelli sul davanti. »Pertanto, Fourette può essere lodato per il suo lavoro con i dolci in marmo e oro del Giura, Sun-et-Lower …,. “Come altri mosaicisti, ha lavorato con aziende di finitura, dove ha recuperato terrecotte e scarti di marmo per costruire pavimenti”.

READ  Inquinamento da biomedia, la Corsica segue il test italiano

Nella sua officina, su molte piattaforme, il lavoro è svolto dagli operai. La tecnica dell’installazione indiretta, poi, permette di realizzare una parte dell’opera per risparmiare tempo nei luoghi dove si incontrano molte famiglie tra pattern, dipinti e molti laboratori. Mary-Christine Wallet di fronte a un vecchio circuito, Rue de la Rotonde a Never.

Fuori dal suo studio, Pietro Foured mantiene una relazione con Neverness del team di emulazione artistica. “Costruisce relazioni con gli architetti, costruisce legami con gli artisti. Ne Questo artigiano che è integrato in questa città che non c’è dove vive con sua moglie e le sue tre figlie lascia una traccia della sua arte in molti luoghi. Negli edifici pubblici come il tribunale, la Bank de France, nei negozi con porte importanti e negli angoli dei negozi, tuttavia, sono molti gli spazi privati ​​dove si possono trovare mosaici, sia sul pavimento che sulle pareti. Ne ho elencati molti in Never and Never, ma continuerò la mia ricerca per completare il mio inventario. “

La bella storia del mosaicista Fawrett continua a essere scritta con Mary-Christine.

Pietro Bowret in Never

Friuli-Venezia Nato a Giulia (Italia) nel 1871, sposò Oswalda Fabrice nel 1897 e si trasferì nel suo studio a Never. Dalla loro associazione nacquero tre figlie: Gisela nel 1899, Marcella nel 1901 e Rosina Anna nel 1903.

Marcella si sposò nel 1922 a Never, con il mosaicista Renz Isidore Otorico. Ciò ha consentito ai due siti di lavorare insieme su più siti. In questa organizzazione, come nella maggior parte dei laboratori, regna questo spirito di fratellanza e unità. Foured, attaccato alle sue radici, impiega solo operai friulani.

READ  Il compositore italiano Ennio Morricone è morto all'età di 91 anni

Alla morte di Pietro Fouret nel 1936, Areco Circinelli, collaboratore di Isidore Otorico, si occupò della bottega fino agli anni ’70, quando era già nota come Società Mosaic de Nevers, la casa di Favred. Ad oggi in Francia sono stati identificati circa un centinaio di mosaici Bowret.

Chiamata. Mary-Christine Wallet si rivolge a chiunque possieda un mosaico o sia a conoscenza di tale realizzazione (nel rispetto della riservatezza dei proprietari). Unisciti a lei 06.86.51.72.03.

Sylvie Anibal

sylvie.anibal@centfrance.com