Novembre 28, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Mi è piaciuto cantare con gli italiani in Italia, in Italia”, ride Claudio Capio.

È un progetto immerso nella nostalgia. Per il suo nuovo album, in uscita venerdì, Claudio Capio Esplorando i suoi ricordi, ha esplorato un elenco di canzoni italiane che avevano fermato la sua giovinezza. Sopra penso a te, Utilizza standard come questo Come prima, Caruso, Il mio rifugio In cui si Senza una ragazza E aggiunge due nuovi titoli. Ha detto il cantante 35enne 20 minuti Dietro le quinte di quest’opera. Leggi le sue risposte con l’istinto giocoso che aveva dall’altra parte del telefono.

La nostalgia ti ha guidato nel concept di “Benzo A Te”?

Ho genitori immigrati italiani che sono venuti in Francia negli anni ’60 e ’70. Sono sempre stato affascinato dalla cultura italiana Pasta, Ottimo cibo, sempre in sottofondo, queste grandi canzoni… Questa è la mia infanzia, mi ha sempre fatto stare bene. Tornando al look di questo album e di un piccolo regalo ai miei genitori, sono orgoglioso di pensare a me stesso. Lo sono sempre stati perché non mi sono mai arreso, ma non hanno mai pensato che potessi cantare in italiano. Non vedo l’ora di mettere questo album nelle loro mani e farglielo ascoltare, penso che scenderanno le lacrime.

Non riesci a trovare un’anteprima per loro?

Ci sono piccole sorprese che vorrei riservare loro, inclusa la canzone che ho scritto e chiamato durante la mia prigionia Mamma Si trattava sicuramente di mia madre. E un altro argomento [Sono di Bonefro] Cresce il villaggio di mio padre. Era originario di Bonfro in Molise. Questa è la canzone che chiude l’album. A questo punto, non lo sanno.

Al di là della lingua, cantare in italiano è molto diverso dal cantare in francese?

Sebbene la musica e le note siano le stesse, a livello dei suoni, quando la bocca si apre, ho l’impressione che nella mia voce scorra più emozione. Ho riscoperto questo strumento che avevo in francese con questa lingua francese. Ma vorrei dire che mi sentivo un po’ più a mio agio in Italia. Per questo album ho passato due mesi in Italia quest’estate, e sono tornato alla cultura, alla grammatica e all’ortografia. Volevo fare questo post senza mentire. Per me non è solo leggere: ho bisogno di capire cosa dico nelle canzoni. Mi è piaciuto cantare in italiano Italia, Con gli italiani.

READ  I datori di lavoro italiani vedono un ritorno al secondo semestre, ma abbassano le previsioni, notizie di mercato

Come hai scelto le canzoni che hai inserito in “Penso a te”?

Rakhis Sekareli e David Esposito hanno lavorato a monte. Abbiamo scelto gli argomenti insieme. Siamo andati alle Q7 audio di nostro padre, che abbiamo sentito quando eravamo piccoli, durante la nostra vacanza a Fiat Tembra, in Italia. Rockies e David in seguito lavorarono al Nuovo Testamento. Così ci siamo ritrovati tutti in Italia. Cominciai ad abbassare la voce, a riconsiderare alcuni dettagli. Abbiamo parlato di quello che volevamo. È successo naturalmente, in condizioni tranquille, con tanta pasta, salsa di pomodoro e divertimento. Eravamo in un piccolo studio a Firenze e quello era il posto migliore per realizzare questo progetto.

Siete quasi pronti per il Festival di Sanremo, l’evento clou della canzone italiana…

sono pronto ! Si, sono pronto! (Ride) Ascolta, le nostre dita sono incrociate. Ci sarebbe piaciuto stare con Gianna [Nannini] Perché sto cantando un duetto con lei nell’album… È una rocker, è una grande star in Italia, è come il loro Johnny. la sua canzone Uomini È stato un grande successo in Francia [n°2 du Top 50 en 1988]. Ci ha dato piacere e rispetto nel venire e cantare in una delle canzoni che ho scritto e chiamato con lei Ciao mio fantastico. Questa è una novità e ne siamo molto orgogliosi.

Com’è andato il disco con lei?

Questo è un momento molto semplice. Eravamo in studio, avevamo tutto pronto e lei è venuta. Parlava un po’ di francese. È una donna con un cuore, molto divertente, molto rock ‘n’ roll. È nel servizio musicale e non è lì per diventare una grande star. Abbiamo mangiato di nuovo la pasta a mezzogiorno – era una sciocchezza ma torna ogni volta (ride). È stato un momento di pura gioia, lei era semplice, molto disinvolta. Si sente bene.

READ  Petrucci si è pentito di aver salutato il popolo italiano

Vuoi entrare nel mercato italiano?

Perchè no. Comunque, sarei felice di tornarci di nuovo per vedere la mia famiglia, già, e poi fare concerti e camminare lì, perché questo è un grande paese con così tanti bei posti. Quando ero piccolo, andavo sempre in Molise con mio padre e in Sicilia con mia madre, e non ho mai visto altro dall’Italia – tranne Firenze per questo album. Forse un mercato va preso e poi non voglio parlare di mercato perché facciamo musica per divertimento, non siamo commercianti. Ma mi piacerebbe vedere come va e trovare altre idee. Divertiti, per un po’, la cosa principale.

Se dovessi avere una sola canzone italiana, quale sarebbe? Quale ti piace di più?

Cara. Se serve solo una cosa, direi Vieni con me di Palo Conte Perché mi fa sentire bene…