Dicembre 9, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mediterraneo Georges Prosence, figlio di “italiano”

Postato su: Cambiato:

Sedile (AFP)

Sulle rive del Mediterraneo, un secolo fa, un monumento alla canzone francese che nacque a Chateau, Georges Prosence ringraziò sua madre, Elvira Tagroza, che chiamò “italiana”, nella cultura degli immigrati italiani dal porto di Herald .

“Mentre la sua discendenza italiana si è diffusa attraverso il ramo materno, Georges Presence è stato a lungo inosservato dagli italiani + da bambino. “.

Presentata da alcuni autobiografi o talvolta da Prosense come “napoletana”, Elvira Dacrosa nacque in realtà da genitori dell’Italia meridionale, e più precisamente nel 1880 da Marciko Nouvo, lucano. Ma suo padre, Michael, era un bracciante in agricoltura. E costruzione, l’ha iscritta all’Anagrafe Italiana del proprio paese: quindi ha la nazionalità italiana.

Prosence potrebbe non aver conosciuto questo nonno morto nel 1916, ma ricordava bene sua nonna Maria-Augusta (1862-1926). Dirà in particolare che lei è astuta nel portarlo a scuola, cosa che lui odia dopo una frase. Quando ha fatto qualcosa di stupido, Rascal si è precipitato nella gonna della nonna per sfuggire alla rabbia di sua madre.

La posizione della tomba di Georges Presence è l’11 giugno 2021 al cimitero di Chad nell’Herald Pascal GUYOT AFP / Archivi

Vedova di guerra, madre di una figlia (Simon, la sorella maggiore di Georges), Elvira non andrà lontano per trovare il suo secondo marito, Jean-Louis Prosence: entrambe le famiglie erano vicine di casa nel quartiere “Revolution”.

– Ninna nanna e Tarantell –

Georges Presence, sebbene non parli esplicitamente italiano, si immerge quotidianamente nella famiglia e nell’ambiente italiani, in cui le aree della penisola si mescolano con l’ossidante locale. .

READ  Hyol Industries vende la sua controllata Turbo Machines all'azienda italiana Fincondori

“Ha cantato per la prima volta canzoni italiane, mia madre era napoletana. Avevo una raccolta di canzoni italiane. All’epoca, tutti cantavano”, ha detto Prosense in un’intervista a French Culture nel 1979.

Di solito cantava “O Soul Mio” e “Santa Lucia” – che in seguito cantò con Dino Rosie – le canzoni italiane che ascoltava di più nella sua infanzia. Ma può anche ascoltare ninne nanne e Tarantelle dal villaggio natale dei suoi nonni nella famiglia materna. E alcuni potrebbero trovare il ritmo “saltellante” e “Heidi” di alcune delle canzoni di Prosence – “Hector’s Wife” – ispirate alla tipica Tarantella del sud Italia.

PASCAL GUYOT AFP / Archivi

“Italiano”, contraddittorio e molto devoto, “musica adorabile” ma “non vuole vedere suo figlio diventare un musicista”, si rammarica della stessa intervista.

L’autore-compositore, i cui genitori non lo vedrebbero mai a un concerto, si esibirà in Italia, soprattutto a Roma nel 1958. Fran பிரான்ois lascerà il cattivo perché è interessato alla divina commedia di Dante, e ci saranno molti amici di origine italiana sul set (scrittore Mario Boleti, atleta Eric Barista…) (Lino Ventura), ammette il suo amore incondizionato per la pasta, in particolare i cannelloni bianchi di sua madre.

– Macaronate e Piastrelle –

Sappiamo anche che “Les Riddles” di Franினார்ois Gavanna era molto amato, e non è un bene che abbia indubbiamente origini italiane.

Il suo universo è “pieno di colori italiani: frammenti di lingue e dialetti, cibi che ricordano l’infanzia e affetto sconfinato per colei che trascende e rappresenta questa parte dell’amicizia: sua madre”, afferma Isabelle Felici. Ma conclude che “l’Italia è l’unica chat italiana in cui Prosens è davvero coinvolto”.

Ritratto nel backstage di Georges Presence, 9 ottobre 1972 a Parigi
Ritratto nel backstage di Georges Presence, 9 ottobre 1972 a Parigi AFP / Archivi

Nato nel XVII secolo per volontà di Luigi XIV, il porto del Golfo del Leone ospita un terzo della popolazione di origine italiana, secondo il comune. Venendo principalmente in ondate successive da sud, molti coloni costruirono la città, dove commerciavano o andavano a pescare.

Negli anni Sessanta dell’Ottocento numerose famiglie di pescatori provenivano da Cedara (Campania) e Kedah (Lazio). Originariamente insediate nella parte alta, sotto la protezione della chiesa della Madonna di San Luigi, portarono in particolare le macronate e le tegole (tortino di polpo), che divennero la specialità del castello.