Settembre 23, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Matteo Beretini è stato il primo italiano a sconfiggere gli Hurricanes

6°, 6-0, 6-7 (3/7), 6-4.

“Non l’ho mai sognato, è enorme… ma ora lo vivo, devo crederci!”, ha commentato il 25enne italiano, che domenica affronterà il titolo N.1. Il campione del mondo serbo Novak Djokovic, Roger Federer e Rafael Nadal o il canadese Denis Shapovalov (12°) nella sesta corona cerca a Londra per eguagliare il record di 20 titoli importanti.

Il vincitore della regina poco prima di Wimbledon è stato il primo italiano a giocare la finale a Wimbledon.

Bertini ha già raggiunto i quarti di finale del torneo US Open Grand Slam 2019. Sta prendendo parte alla sua terza partita a Wimbledon, il suo miglior risultato finora è stato di 16 round nel 2019.

È stato poi duramente battuto dal futuro finalista Roger Federer in un set di 6-1, 6-2, 6-2.

“Non è la stessa sensazione, ma mi ha insegnato molto”, ha detto Bertini dopo aver lasciato Harcas venerdì.

Nello stesso Central Court che aveva dominato i suoi migliori servizi nella classe di Roger Federer nel turno precedente, il polacco è stato sconfitto dalla potenza di Beretini.

Dal 2-3 del primo set, l’italiano ha schierato 11 partite per vincere il primo set, conducendo 1-0 nel secondo e terzo.

Hurgas sembrava quindi perdersi completamente in campo, a volte guardando il suo clan e a volte scalciando i piedi come se fosse lui a comandare la sua strada sul campo, toccando l’argilla scivolosa.

Tuttavia, non tanto KO, ha spinto gli italiani al tiebreak e ha vinto questo terzo set.

“Penso di aver meritato di vincere questo terzo set, ma quando l’ho perso, ho pensato che fosse giusto. Ha pagato”, ha detto Bertini.

READ  Sono l'unico francese senza antenato italiano / Euro 2020 / Italia / SOFOOT.com

Ha infatti preso il range dell’avversario dall’attacco nel quarto set, contando su un servizio molto consistente e mantenendo il suo vantaggio fino alla fine.