Gennaio 22, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’italiano Stefano Serioni alla fine non guiderà il fioretto francese

Il piano era buono. Il maestro italiano Stefano Serioni era in trattative avanzate con la Federazione francese. D’oro e a quattro anni di distanza nelle squadre alle Olimpiadi del 1984, l’ex cecchino, oggi 57enne, diventato poi allenatore, ha pilotato la squadra italiana dal 2004 e poi dal 2012 al 2016 a rischio russo, titoli e medaglie mondiali e olimpiche. Ha allenato personalmente l’americana Race Impoten e la francese Yasora Thibas, che da questo mese prenderanno il controllo del fioretto azzurro. Ma questo bel progetto non vede la luce.

“Abbiamo perso una guerra, sospirò Bruno Gares, presidente della Federazione francese di scherma. Stefano mi ha chiamato per dire che alla fine non era arrivato. Gli ho suggerito di unirsi alla Francia a Tokyo il 17 luglio. Lui ha acconsetito. Il 2 agosto, l’8 agosto, il 12 agosto gliene ho parlato di nuovo. Stava bene fino alla scorsa settimana. “ Tranne che nulla è stato debitamente firmato.

Uno scatto in Francia

Gli italiani sono stati attivamente rianimati nella guerra quando l’Agenzia Nazionale per lo Sport (ANS) ha dato la loro approvazione scritta per firmare il contratto. Non volendo vedere la Francia mettere a repentaglio la loro strategia di restauro alle prossime Olimpiadi (a Tokyo, la spada italiana non ha vinto alcun titolo), alla fine hanno vinto la loro causa, provocando una frenesia feroce per la Francia. Quindi Stefano Serioni sostituirà il Maestro Andrea Tsipresa che era stato allontanato dallo Squadrone Azura.

In questo caso, la Scherma francese paga il rinvio e la partita di ping-pong tra il ministero dello Sport e l’ANS, costringendo il suo presidente ad aspettare due mesi per vedere se ha l’autorità per firmare il contratto. Troppo tardi, troppo tardi. Perché, in questo momento e più logicamente nel mondo, il tecnocrate italiano ha mantenuto segreti i suoi contatti con la Francia per gli oratori italiani.

READ  Coffee Lam, il più popolare italiano sul social network Dictok, ha più iscritti di chi vive in Italia.

Per i Blues, è tempo di pianificare. Verranno prese in considerazione più tracce. In linea di principio, possono conoscere l’inizio della realizzazione entro lunedì.