Gennaio 22, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’italiano Lamond Marcel Jacobs ha vinto la finale dei 100 metri dopo Usain Bolt

Pubblicato: Cambiato:

Seguendo le orme del tre volte campione Usain Bolt nel 2008, 2012 e 2016, l’italiano Lamond Marcel Jacobs ha vinto domenica i 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo.

La finale dei 100 metri è stata molto aperta JO T TOKYO, il giocatore italiano Lamont Marcell Jacobs ha lasciato il gioco domenica 1 agosto ed è diventato l’uomo più veloce del mondo. Sprinter ha vinto in 9 secondi 80, un nuovo record europeo, ed è diventato il primo campione olimpico europeo nel 1992, subito dopo il britannico Linford Christie. Ha sconfitto gli americani Fred Kerley (9,84) e il canadese Andre de Cross (9,89).

Un campione inaspettato

Lamond ha vinto la lista dei premi Marcel Jacobs Leggenda dello sprint Usain Bolt, Triple Champion nel 2008, 2012 e 2016. È stato un grande traguardo per il velocista 26enne, nato a El Paso, in Texas, figlio di madre italiana e padre americano. Prima di partire nelle scorse settimane si è espresso diventando campione europeo indoor dei 60 metri quest’inverno in Polonia: 9 secondi 95 a maggio, poi 9 secondi 84 nelle semifinali di domenica, poco prima della fine della serata.

Prima di Tokyo, il 26enne italiano non aveva mai gareggiato nel mondo esterno o nella finale europea in carriera. Si è fermato alle semifinali del Mondiale di Doha nel 2019 e all’Euro Berlino nel 2018. Il nuovo campione olimpico è stato allenato dall’atleta italiano Pavlo Kamosi, un ex talentuoso triplo saltatore che è stato incoronato campione del mondo indoor nel 2001. Kamossi è arrivato 8°. Alle Olimpiadi di Sydney del 2000.

Durante la sua prigionia di primavera nel 2020, ha visto da lontano la sua guardia del corpo che si allenava costantemente su un piccolo sentiero privato vicino a casa sua. Kamosi ha seguito online le sessioni filmate dai suoi fratelli Sprinter. Quest’ultimo collabora da settembre con la psichiatra Nicoletta Romanasi. “Con lei ho accettato di affrontare le mie paure e i miei demoni. Non è stato facile e non volevi nemmeno svelarti alcune cose intime. – anche”, ha spiegato alla stampa italiana.

La maggior parte della parte superiore del corpo di Jacobs è tatuata. Alcuni si riferiscono a suo padre, che non era nella sua infanzia, con il quale ha avuto un rapporto lungo e difficile, e oggi è tranquillo. “L’energia che ti assale quando abbatti un muro del genere è incredibile. L’ho odiato per non averlo e ho cambiato prospettiva: mi ha dato vita, muscoli forti, velocità. Ho giudicato senza sapere nulla di lui”. Lui ha spiegato.

In assenza del campione del mondo americano Christian Coleman, è stato sospeso per tre “spettacoli” e dopo essere stato eliminato in semifinale del miglior giocatore dell’anno (9 sec 77), l’atleta americano Trevon Bromel ha vinto i 100 m olimpici. Il tre volte campione in carica e detentore del record mondiale (9 sec 58) quattro anni dopo il ritiro di Usain Bolt è uno dei più aperti della storia. Autore di corse altamente fluide, Jacobs ha ampiamente dominato il dibattito sul suo impegno per le Olimpiadi.

Con AFP

READ  La stampante italiana Graphica Vanita cresce negli Stati Uniti