Ottobre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’italiana Sony Colbrali si presenta come una Donetsk Paris-Roupox

Deve essere l’inferno. UN Parigi-Rubaix Come prima, con le bocche nere, lo sguardo perso nel vuoto, le pale che lasciano cadere e il caldo per gli altri che sono stati sfortunatamente liberati su questo maledetto marciapiede. A Paris-Rupees, almeno nel 2001, si erano invitati alla classica regina del vento, della pioggia e del freddo, al riparo dalle migliori condizioni atmosferiche.

Questa domenica, 3 ottobre, l’inferno anticipato è apparso nelle prime tre ore di gara. Era ora di fare il suo lavoro, gettando qualche speranza sul marciapiede scivoloso (lo svizzero Stephen Kung, lo slovacco Peter Sagan) e spingendo gli altri attraverso buchi insidiosi (francese e tappa Florian Sanachal, italiano Gianni Moscon tradito, a 20 km dalla fine del comando) . Poi l’inferno si muove sotto gli altri cieli, lasciando un sentiero e confini polverosi, pieni di pozzanghere, ma i raggi del sole, a volte scaldano i cuori.

Tre nuovi arrivati ​​all’ultimo giro

Ma era un ragazzo Paris-Rabai, presentato in precedenza anche da un novizio, con un’unicità che non si verificava dai tempi del francese Jean Forrestier nel 1955, il primo partecipante, il vincitore della Paris-Rupex, quindici secondi di vantaggio su Fosto Copi e Luisen Papa. Sessantasei anni dopo, l’italiano Sonny Golprelli ha appena aggiunto il suo nome alla classifica per la sua prima visita al Nord.

Nel velodromo Andre-Pétrieux, tutti e tre i corridori dell’invenzione si sono precipitati alla vittoria prima di gareggiare. Come Sony Colborelli, la giovane star belga e olandese del 22enne Florian Vermersch, Matthew van der Boyle, non ha guidato le ruote sulle strade accidentate degli Hauts-de-France. Tuttavia, tutti e tre hanno cercato di evitare tutti i pericoli. Sony Colbrelli è per lui un uomo forte dell’anno, già campione d’Italia e d’Europa e il migliore al Tour de France; Florian Vermersh, sperando di andare in bicicletta belga, cavalca come un vecchio dal mattino; E Matthew van der Boyle, il quattro volte campione del mondo di ciclocross e così usato in modo caotico.

READ  In questo villaggio italiano, ora puoi comprare una casa per 1 euro

Matthew van der Boyle è molto ragionevole

L’ambizioso olandese, tra le opzioni chiave prima del via, ha giustamente negoziato la gara per sbarazzarsi dei suoi principali rivali, tra cui Belgio vs Van Ert e il ceco Stanek Stieber, finalmente 7.e e 26e. Ma non ne ha abbastanza sotto il pedale sotto la maglia giallo opaco della prima settimana dell’ultimo Tour de France. .

A 31 anni Ryder dalla provincia di Brescia (Lombardia) conferma che il suo profilo è sempre più ampio e solido. Sappiamo già che era già facile con le classiche e quest’anno sta facendo il suo quinto Tour de France (52).e, Il suo miglior risultato), ora è in grado di superare se stesso nel peggiore dei casi. Vincere sul marciapiede è raro, e gli italiani lo sanno bene: la loro ultima vittoria è iniziata nel 1999 con l’arrivo in solitaria di Andrea Toffee. Per i francesi la carestia durò ancora più a lungo. Esattamente dal 1997. Questa domenica, il primo tricolore, Christoph Laporte di Cofettis Creation, ha tagliato il traguardo al sesto posto.