Agosto 17, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’accordo franco-italiano prevede già l’accordo di due economie molto vicine

Francia e Italia? Il fascino reciproco è una vecchia storia che a volte compete con la concorrenza. I nostri due Paesi vorrebbero lavorare a stretto contatto il 26 novembre, firmando un importante accordo di cooperazione con il Presidente della Repubblica Italiana, Guerrero. Sebbene il partner privilegiato della Francia in Europa sia la Germania, ci sono prove di questa buona volontà.

Analisi. Accordo italo-francese per raccogliere i cocci

Francia e Italia sono in realtà due economie con profili molto simili e pesi comparabili, con 2.500 miliardi di di PIL previsto nel 2021 e 1.900 miliardi per l’Italia, che la rendono la settima e l’ottava economia del mondo. Entrambi i paesi sono membri del G7 e membri fondatori dell’Unione Europea.

Gli stessi vantaggi economici

Francia e Italia sono paragonabili per forza. Beneficiano di un settore turistico sviluppato che rappresenta l’8,5% del PIL francese e il 13% del PIL italiano. Sono le due maggiori nazioni agricole, con il loro settore agroalimentare secondo e terzo in Europa in termini di fatturato.

Anche Francia e Italia soffrono di analoghe difficoltà economiche: elevata disoccupazione strutturale (7,7% in Francia e 9,2% a settembre 2021 in Italia) e i due Stati più indebitati (118% per la Francia nel 2021 e 155% per l’Italia nel 2021), con deficit cronici di bilancio.

I due paesi sono grandi potenze industriali, questa volta con profili leggermente diversi. L’Italia ha una vasta rete di PMI ad alto export, mentre la principale risorsa della Francia è la densità di grandi gruppi internazionalizzati. Il settore manifatturiero contribuisce per il 16% al PIL italiano e per il 10% francese al PIL.

Successi industriali comuni

I due paesi hanno una serie di collaborazioni industriali poco note al grande pubblico. Nel 1981, i gruppi Airbus e Finmeccanica (ora Leonardo) hanno sviluppato congiuntamente l’ATR, che produce aerei da trasporto ad elica a Tolosa. È stato un enorme successo di esportazione.

READ  bee2link acquisisce l'italiana Terranova per espandersi, acquisire e fondersi in Europa

Nel 1987, l’italiana SGS e la francese Thompson semiconductors hanno formato STMicroelectronics, un gruppo europeo leader per la produzione di elettronica. Poi nel 2005 Thales e Leonardo hanno collaborato con Thales Alenia Space, specificamente per la produzione satellitare nella loro base di Cannes.

Tribuna. Italia e Francia: una delle più potenti d’Europa

Negli ultimi anni sono nate due leggende franco-italiane: EssilorLuxottica nell’ottica nel 2018 e l’ultima, i gruppi automobilistici Stellantis, PSA e Fiat-Chrysler, nati all’inizio del 2021.

Tutti i tentativi di formare grandi gruppi franco-italiani non hanno avuto lo stesso successo: Air France ha combattuto per non acquistare Aitalia e, più recentemente, ha fatto tutto senza coordinamento con la società di costruzione navale italiana Saunders de l’Atlantic Fincondieri.

L’Italia è il terzo partner commerciale della Francia

La Francia è il primo investitore e il primo investitore straniero in Italia. Ciò è particolarmente vero per le banche (BNP Paribas, Credit Agricole), l’energia (acquistata da Edison), i beni di lusso (Gucci – Kering o Bulgari da LVMH), la distribuzione (Auchan, Carrefour) e l’alimentare (formula acquistata Lactalis).

L’investimento diretto italiano in Francia è basso, ma i grandi gruppi italiani sono ancora in Francia per le assicurazioni (generale) oi tessili (Benetton). Tra il 2007 e il 2020, gli italiani hanno acquistato aziende francesi per 47 47 miliardi, più delle donne francesi hanno acquistato aziende italiane (38 38 miliardi nello stesso periodo).

La Francia è il secondo partner commerciale dell’Italia, mentre l’Italia è il terzo partner commerciale della Francia. Il commercio tra i due Paesi ha raggiunto i 94 miliardi di euro entro il 2020, con l’Italia che ha un saldo favorevole di 13,5 miliardi.

READ  6 Nazioni - Juan Ignacio Brex, traduzione italiana

La Francia è il principale fornitore di energia elettrica in Italia ed esporta prodotti automobilistici e farmaceutici. Importa macchinari, tessuti e prodotti alimentari.