Settembre 29, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’accesso francese e italiano alla futura linea TGV al centro di una conferenza intergovernativa

La conferenza intergovernativa, che inizia mercoledì a Torino, dovrebbe essere l’occasione per discutere dell’accesso italiano e soprattutto francese alla futura formazione del TGV. Questo vertice dovrebbe garantire il mantenimento di un calendario di scelte definitive per l’Europa.

Per tutti i quotidiani italiani del mattino è noto da fine ottobre il primo traguardo della conferenza intergovernativa italo-francese, che prenderà il via nel capoluogo piemontese mercoledì 15 dicembre.

A seguito del movimento populista “5 Stelle”, l’apertura del convegno da parte del suo nuovo consigliere dopo una politica di 5 anni di poltrone vacanti attuata dall’ex sindaco di Torino segna il ritorno della città al campo “Si Taw”. “(Sì alla DGV Leon-Torino).

Gli avversari del libro – “No DAV”, non DGV – non pensano male. Quando mercoledì pomeriggio piazza Costello ha accolto il nuovo sindaco, Stefano Lo Rousseau, i partecipanti dell’organo di rappresentanza dei governi francese e italiano, un gruppo di manifestanti stava già dando voce davanti alla sede della città a Torino. .

“La città di Torino dovrebbe essere fuori dal Laboratorio tecnico Lione-Torino”, Hanno cantato. Uno slogan che suona come l’ultima speranza scritta a Stefano Lo Russo. Per 5 anni, l’ex sindaco ha voluto dare impegni alla maggioranza “No Dove” nel suo stesso partito e ha boicottato tutti i forum per discussioni future. Di conseguenza, tutte le discussioni dovevano svolgersi senza il capoluogo regionale.

“Per me questa linea è necessaria per collegare Torino con la Francia e l’Europa”., ha annunciato mercoledì mattina, al microfono dei nostri colleghi italiani Sky24 ore, senza dubbio il nuovo sindaco: ha voltato pagina.

READ  Il bilan de l'incendie du ferry Italian sorority à dux morts et nuovo disponibile

“Così così cosa?” Collegato in videoconferenza dalla sua stessa Slovacchia, lo è certamente A loro ha voluto rispondere Iveta Radikova, la manager europea del famoso corridoio di trasporto mediterraneo che fa parte del Tgv franco-italiano.

Perché il tempo stringe per l’Europa. La stessa Radikova, che ha visitato Torino a settembre, non ha esitato a premere per un governo a due stati. “Precisi doveri” Nelle aree del percorso di competenza nazionale. L’Europa è disposta a finanziare il 55% dell’area di lavoro internazionale e fino al 40% dei siti di accesso francesi e italiani, ma raccomanda che le decisioni vengano prese rapidamente.

“Il nostro primo obiettivo è completare il file per il nostro accesso il prossimo anno, avviando così le gare d’appalto per i siti entro il 2025”., Recentemente sottolineato In un’intervista al quotidiano economico Il Sole 24 ore Calogero era responsabile della sezione italiana del percorso tra Mousseri, Pussoleno e Torino.

Da parte sua, durante una visita a Chambery a settembre, il ministro dei Trasporti francese, Jean-Baptiste Djibouti, non ha promesso altro che l’accesso francese: “Decisione sul percorso all’inizio del 2022”.

Dall’altra parte delle Alpi, qualsiasi scelta in merito alla futura linea sarebbe particolarmente delicata, in quanto i disturbi causati dalla resistenza di No Daw operano sempre nei pressi del cantiere italiano nella valle vicino a Siomonde. Susa. Ma almeno si sceglie l’accesso. Analogamente, conosciamo l’entità del budget dei lavori: 1,7 miliardi di euro, tra cui lo scavo del tunnel di 14 km ei lavori di collegamento della piattaforma multimodale di Arbosano alle porte di Torino.

READ  ILIAD riceve il 12% del capitale dell'Uniuro italiano

Sul versante francese, invece, c’è una grande ambiguità sulla futura tratta del TGV tra Lione e Saint-Jean-de-Maurion, dove i treni entreranno nel grande tunnel di base internazionale di 57 chilometri sotto le Alpi.

Nella provincia di Chambery, lunedì, si è riunito un comitato direttivo (costituito nel 2019). Al tavolo gli eletti hanno potuto discutere un percorso dal 2013, che ha preso drastiche contrazioni.

Un percorso in due fasi: una galleria merci-passeggeri sotto l’Ebene davanti alla Camera, e una serie di gallerie monolitiche dedicate alle merci sotto la Chartreuse, il massiccio del Beltone e il Clonton.

“Finalmente il binario che fa gareggiare il treno con l’autostrada”A fine 2020 il Consiglio Comunale dello Zambesi ha votato all’unanimità. “Ciò consentirà alla stazione di Chambery di ristabilire la propria attività internazionale..

Tuttavia, la scelta di una chartreuse voluta dal governo al momento delle elezioni. 4,8 miliardi di euro: la scelta del motivo per cui è comandato da un semplice numero. Anche finanziato al 50% dall’UE, il treno può raggiungere i suoi limiti “ad ogni costo”.