Ottobre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La strada non necessita di scorta

L’Onu afferma che la strada per l’attentato che lunedì ha ucciso l’ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo orientale non ha bisogno di un assistente militare.

L’attacco al convoglio, guidato dall’ambasciatore Luca Athanasio, è avvenuto nella fitta giungla e nelle montagne della National Highway 2, che corre molto vicino al confine con il Ruanda, nella provincia del Nord Kivu (Est). Confini dove non c’è irrigazione. “Questa corsia è stata controllata senza scorta, ma con l’obbligo di una parata di almeno due veicoliUn ONU nel paese. Il funzionario umanitario ha detto di aver parlato in forma anonima martedì 23 febbraio.

Secondo il presidente del Congo, ambasciatore”Arrivato in coma su un jet Monusco alle 10:30 di venerdì 19 febbraio», Missione delle Nazioni Unite in Congo. È uscito dal coma lunedì mattina.Sfilata di due veicoli del Programma Alimentare Mondiale (WFP)னுக்கு Al comune di Gwangcha, nella zona di Rutsuru, accompagnato dalla sua guardia del corpo e dagli agenti di questa organizzazione umanitaria.

Il convoglio è caduto in un’imboscata a 3 km da dove era andato”.Gli aggressori erano sei persone, armate di cinque fucili d’assalto AK-47 e un coltello“Burst rappresenta la presidenza del Congo”.Hanno continuato i colpi di avvertimento prima di costringere gli occupanti dei veicoli ad andarsene e li hanno seguiti fino alla parte più lontana del parco (Virunga).Aggiunge la carica di Presidente. Allerta, sicurezza e truppe congolesi erano alla ricerca di aggressori nelle aree circostanti. “A 500 m (dal luogo dell’attentato), i rapitori hanno ferito all’addome la guardia del corpo e l’ambasciatore che sono morti sul colpo..

Kinshasa ha incolpato i ribelli del Rwandan Hood dell’Esercito di Liberazione Democratica del Ruanda (FDLR) per l’attacco. Quest’ultimo, in una dichiarazione, ha negato le accuse e ha puntato il dito contro le forze congolesi e ruandesi. Funzionari congolesi e ruandesi negano formalmente la presenza di truppe ruandesi nel territorio della RDC. Secondo un esperto del Kivu Safety Barometer (KST),Le FDLR sono vicino alla scena dell’attacco. Questi ribelli ruandesi potrebbero essere stati responsabili di questo attacco.“, Lui ha spiegato.

READ  Dubai ha confermato l'arresto di un narcotrafficante italiano