Ottobre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Janic Sinner, italiano fuori tiro

Non guardare Janic Sinner per le tracce della mentalità latina a cui i tennisti italiani ci hanno abituato negli ultimi anni. Il giovane dai capelli rossi di solito rinuncia a tutti i cliché ad essi associati. È nato in montagna, a San Candido, nella regione Trentino-Aldo Adyge (nord-est del paese).

A 19 anni, Sinner (pronunciato alla maniera austriaca) è il brillante più giovane di un’Armada italiana, che, dopo una pausa generazionale, torna a brillare. Domenica 4 ottobre, al 16° turno, ha eliminato il tedesco Alexander Sverre (6-3, 6-3, 4-6, 6-3), che nel turno precedente aveva battuto il compagno di squadra Marco Chechinato (28 anni) nel 2018 su “Roland” Sorpreso per le semifinali.

Per saperne di più Roland-Carros: Marco Cecchinato in semifinale, chi avrebbe scommesso?

Anche Lorenzo Soneko (25), quarto di finale a Montecarlo la scorsa stagione, ha raggiunto il 16° turno. Ma Matteo Bertini (24) non è il semifinalista degli US Open 2019, che ha sorpreso sabato alle 186.e Mondiale, il tedesco Daniel Altmeier, solo 4 annie Completa tre round per la prima volta al Grande Slam in vent’anni. Né Stefano Travaglia (28), con solo cinque partite rimaste da King Nadal venerdì.

Cinque italiani in 3e Nel giro di un Grande Slam, era inaudito nell’era open e per la prima volta dal 1955. “Il livello attuale del tennis italiano è molto alto e abbiamo una decina di giocatori tra i primi 100 [8, comme l’Espagne, contre 9 pour les Etats-Unis et 11 pour la France]. Perché ora? Non lo so, ma penso che ci stiamo tirando su tutti”. peccatore ha detto Il mondo A febbraio, prima che il round venga fermato con la forza, l’epidemia diventa obbligatoria.

READ  16 dipendenti di una sede italiana sbarcano a Sochas per qualche mese

500 posti di miglioramento in classifica in un anno

Battezzato al Roland Carros, il piccolo genio delle Alpi, cresciuto duro come la maggior parte dei suoi compagni, ha avuto il diritto di confrontarsi con Natalie, la padrona del luogo. “Le cose stanno andando più veloci di quanto pensassi” Lui è d’accordo. L’anno scorso, in particolare, tutto è precipitato. “

All’inizio del 2019 ha vinto il Challenger (seconda divisione del tennis) casalingo di Bergamo e, all’età di 17 anni, è diventato il più giovane italiano a diplomarsi in questa divisione.. Nuovo nove mesi dopo La “nuova generazione” vince Maestri di tennis Under 21. Ha terminato una stagione in cui ha guadagnato quasi 500 posti in pochi mesi ed è diventato il membro più giovane nell’attuale top 100 (75e), Il suo decano, Roger Federer, il suo idolo, potrebbe essere suo padre (39 anni).

Da ragazzo ben educato, Chinner prima rende omaggio al suo allenatore: I miei risultati sono stati il ​​risultato del duro lavoro che abbiamo svolto negli ultimi quattro anni quando ho deciso di allenare come Ricardo [Piatti, ancien entraîneur d’Ivan Ljubicic et de Novak Djokovic, qui possède une académie à Bordighera, en Ligurie]. Con lui il mio tennis ha avuto più significato”, Dice, con voce sottile e fluente in proporzione inversa ai suoi colpi.

Il giovane snello (1,88 m, 76 kg) ha attraversato i pali alla stessa velocità di qualche anno fa sulle montagne dell’Alto Adige, dove è stato campione nazionale juniores nel 2008 e vicecampione nazionale nel 2012. Fino all’età di 13 decise di dedicare i suoi cieli al tennis.

“Sci è un minuto e mezzo, tempo di gara e basta, è troppo breve per me!” Questo spiega il fan di Bot Miller. Mi piace giocare e guardare il nemico, nello sci, rispetto ai tuoi nemici. Nel tennis, vedi se il tuo avversario è frustrato o è felice… Lo trovo divertente. “

“Ero più bravo a sciare che a tennis, ma non ho rimpianti, almeno non ancora, Aggiunge con un timido sorriso. Questi due giochi non hanno nulla a che fare l’uno con l’altro. Ma grazie allo sci, ho ancora un po’ di lavoro sui piedi più solido, che mi aiuta con l’equilibrio e la flessibilità. ” Ovviamente nella gestione dello stress, non sarà disturbato troppo spesso durante le sue partite.

READ  Matteo Beretini è stato il primo italiano a sconfiggere gli Hurricanes

Riservato all’esterno ma commentato in tribunale

La Francia aspetta dal 1983 il successore di Yannick Nova, e l’Italia sta facendo ancora meglio. Sono passati quarantaquattro anni da quando l’ultimo vincitore del Grande Slam italiano, Adriano Panata, ha vinto sulla terra parigina…

Tra le donne, il tennis italiano ha goduto della generazione d’oro di Francesca Schiavone (vincitrice di Roland nel 2010) e della vincitrice degli US Open 2015 Flavia Bennetta. Ma negli uomini, Andreas Seppi (98e World) e Fabio Fognini, il genio da lui disperso, non si unirono alle leggende italiane degli anni ’70, come Panata, Pietrangeli e altri paracadute.

Per saperne di più Coppa Davis: Fabio Fognini o Pantomime Art

A 33 anni Fognini è ancora 15e Il mondo, ma il corpo comincia a masticare. Ha subito un intervento chirurgico a entrambe le caviglie a giugno ed è stato rimosso all’ingresso del Borde de Adoule dal kazako Mikhail Kukushkin. Con un corpo da rugby di terza classe (1,96 m, 90 kg) di Sanremo, ha ceduto la sua posizione di numero uno al numero 7 di testa di serie Matteo Bertini al Roland.

Per saperne di più US Open: Matteo Beretini, gladiatore romano colpisce Rafael Nadal

Janick Sinner è anti-Fognini, fisicamente e mentalmente in forma, il primo della classe, diligente e riservata. Ma in tribunale, non era altro che inattivo: “Cerco sempre di vincere ogni partita, senza perdere, ho una sottigliezza. Cerchiamo di lavorare in questa azienda e andiamo sul web e leggiamo e modifichiamo bene il gioco dell’avversario” Sinner, che era nell’ombra tra gli juniores, spiega dove non ha giocato il minimo Grand Slam.

“Non mi è mai piaciuto il circuito juniores. Negli juniores le partite le vinci perché altri le perdono, in futuro. [la troisième division du tennis], Devi essere mentalmente forte, tutto è al di sopra. Ma essere un giocatore di tennis è come salire le scale. Si sviluppa. Tra 500 e 100, le ho scalate molto velocemente e ora potrebbe volerci più tempo, non lo so. “

“Fisicamente deve ancora migliorare”, Alexander Sverrev ha governato prima di sfidarlo.

READ  L'Expression: Culture - "Le Giri" di Samir Doomi tradotto in italiano

Blake sa che ha “Ho molto da imparare prima di arrivare ai grandi titoli, ma nella mia testa mi sento pronto”. Dal tono della frase, possiamo intuire che vuole saltare i passaggi seguenti.