Agosto 17, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Immigrati italiani, Daniel Riolo

Nelle precedenti riviste abbiamo ripercorso i movimenti degli emigrati italiani attraverso il prisma del calcio. Oggi, il nostro cursore è il signor che è uno dei giocatori chiave del calcio in Francia. Indicando Daniel Riolo come il presentatore principale di After Food su RMC.

Origine di Damiano “Daniel” Riolo

Nel twist di un articolo pubblicato sulla migliore rivista Italia, Daniel Riolo Atleta Incontri 17 febbraio 2021 Urla il suo amore Bel Paese, E soprattutto la sua città natale, la Sicilia, e ricorda alcuni eventi nitidi. Questa intervista sarà un pretesto per raccontare un’affascinante storia di immigrazione siciliana.

Il giornalista fa parte di questa diaspora che ha seminato 80 milioni di Orientes nel mondo e 4 milioni in Francia. Una vera gita iniziata il 19ns Secolo, alcuni osservatori lo hanno paragonato al popolo ebraico biblico. La storia che ci racconta Riolo ci ispira negli anni ’60, l’ultima volta che abbiamo visto l’arrivo di immigrati italiani in un decennio.

Il “miracolo degli italiani” iniziò allora a diffondersi in tutto il territorio, ma furono 624.000 i siciliani in fuga dall’isola in questo decennio, stremati dall’impossibilità (competitiva) di riforme anche se agricole. latifondo), O amministrativamente, la tragedia più profonda segnata dal 50% delle persone che vivono ancora in condizioni di estrema povertà. Nel dopoguerra molte miniere in Sicilia furono chiuse a seguito dell’apertura di un concorso internazionale.

All’origine della diaspora siciliana

La Sicilia fu abitata da greci, arabi, nord italiani, spagnoli, normanni… oggi fu rifugio di molte persone, come immigrati, arabi o albanesi.Arbaresh) Prima. Quest’ultimo sfuggì alla persecuzione ottomana al 15ns Fino a 18ns Secolo. Molte città in Italia hanno mantenuto l’influenza di questo arboreto a livello artistico, culinario, o nella pratica del cristianesimo armonico. Queste città, inoltre, sono ancora oggi influenti, e hanno una doppia divisione simile al villaggio del padre di Daniel Riolo, Piana Tekli Albanese. Tempo di Erbëreshëvet In albanese, ma altrove in Puglia, Abruzzo…

READ  A Borgz, il liceo Marguerite-de-Navarre non significa ciao in italiano

Se la Sicilia è un Paese dalle mille sfaccettature, allora i genitori del giornalista Gamba Il RMC faceva parte di questa “espulsione” della gente dell’isola. Alla fine del 19ns E nei primi decenni degli anni ’20ns, Questo insediamento fu spinto massicciamente verso le terre del Nuovo Mondo o verso territori in piena espansione come le colonie francesi e britanniche. Comune a questi paesi target sono i sogni di crescita economica intrinseca e la ricchezza che ne deriva. Anche se i dittatori salissero al potere in Argentina, Stati Uniti o Brasile, Tunisia, Egitto, le misure per far fronte all’afflusso di un gran numero di stranieri nel loro territorio (Stati Uniti 1924) o le crisi economiche fermeranno il flusso vitale tra le guerre. .

Immigrazione siciliana in Francia

Per ricominciare, dopo la guerra. Così l’Italia, uno degli ultimi paesi europei a completare il cambiamento demografico, si sta muovendo massicciamente verso altri paesi europei emergenti. Come molti immigrati siciliani, il padre di Daniel raggiunse un amico nella regione di Parigi. Poi ha portato sua moglie. Siamo nel 1962. Prima di stabilirsi a Ris-Orangis in Essonne, sicuramente, nel 1963. In questa zona dell’Ile-de-France, la colonia italiana fu il primo gruppo di immigrati fino al 1968, data leggermente anticipata dagli spagnoli. A livello nazionale, all’inizio degli anni Sessanta, gli italiani rappresentavano ancora il 25% degli stranieri.

La partita Francia-Italia del 1978 fu un trionfo

Il piccolo Damiano Daniel Riolo è nato nel 1970 e presto sperimenterà la sindrome schizofrenica del bambino immigrato. Il suo paese ospitante non aveva abbastanza francese, l’italiano non era abbastanza nel suo paese d’origine, i conflitti italo-francesi portano a traumi … In tenera età, tifava la Francia contro un padre, era interessato al calcio, tifava Squadra Azzurra . Il primo incontro con la mente del giovane Damiano Conflitto tra Francia e Italia nel 1978 Durante i Mondiali in Argentina. La Francia ha perso per due gol a uno. Daniel Riolo è consapevole della sua doppia cultura che lo ha utilizzato per tutta la vita.

READ  Sei tutto intorno alle Colonie Francesi e all'Italiana Dovevivo per rafler la marcia "coliving"

Perché se ci crede” L’integrazione è complicata finché non tagli le radici , Car Elles Resurgent Anche se cambi il tuo nome Rivela l’identità della persona con la doppia nazione e “Damiano” nei suoi documenti.

Leggi anche il file sugli immigrati italiani:

1.Enzo Schipho, “Il piccolo Peale di Tivoli”
2.Platini, il “re” del Piemonte.
3. Altafini, “Massola” brasiliana
4.Tony Miola, sogno americano
5. Schiafino, “Pepe” nella Pazza
6. Eric de Mego, logo
7. Jean-Marc Ferry, “Nuovo Platini”
8. Omar Zivori, “Testa grossa”
9. Delio Onnis, “Re della roccia”
10. Figlio di de lordo Provenza
11. Flori de Nallo, “Piccolo Principe di Jerland”
12. Roger Crawford, mai inciso su Supercar
13. Roger Piantoni, fulmine dello Stato di Reims
14. Mauricio Gaudino, Italia d’Italia
15. Carlo Molinari e l’Italian Colony FC Mets
16. Mario Jadelli, un blackfoot a Marsiglia
17. Sforza, una scelta Italo
18. La storia dei fratelli Revelli, Saint-Etienne
18. Bernard Jr., caro di Lorena
19. CRistonde, italo-canadese