Ottobre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il golpe di Marco Frigo in Italia

Questa sta diventando un’abitudine a Ronde de l’isard. Per la quarta volta consecutiva, il team SEG Racing Academy ha vinto la prima tappa di un evento internazionale riservato ai piloti under 23. Questa volta, l’italiano Marco Frigo ha dimostrato di essere abbastanza intelligente da vincere da solo alla fine della turbolenta prima fase ancora una volta a Montaban. Anche in questo caso, questa è la tradizione delle corse preferita di Guy Sans. Dall’inizio alla fine, è “non disconnesso”. Dal primo ettometro, colpisce. Tra i coraggiosi, l’unico studioso dell’evento fu Elliott Philippine. Il giovane residente di Occitanie Training mostra lì il suo desiderio. Ma questo livello è più alto con 124 piloti all’inizio di quest’anno. A poco più di 100 km dalla fine, ce ne sono 8 e 11. Non lo sappiamo ancora, questa è la mossa giusta. Il reggimento era intrappolato. Ai piedi della seconda salita di giornata, C டிte d’Ivoire, la squadra si divide in due. Sono iniziate le grandi manovre.

Visita di coppia favorevole a un uomo solo

Dietro, sotto la guida del team di sviluppo Uno-Xdare, Peloton è in un unico file. Unisciti alle squadre per il ritiro. Ma, come prima, non l’abbiamo sentito. A tre chilometri dalla fine, l’italiano Marco Frigo tenta la fortuna in un falso appartamento in salita. Potente, lo rende facile e veloce. Ha poi approfittato della decisione tortuosa di Montaban per aumentare il suo vantaggio e battere Max Walker (Trinity Racing) e Aaron Vander Beacon (Lotto Saudal Development Team) con un bel po’ di vantaggio. La prima vittoria stagionale per l’Italia campione d’Europa è nel 2019. “Non credo che il gap andrà alla fine. Nel gruppo abbiamo guidato senza fare molto. Dovrei aspettarmi velocità”. Ha fatto bene. Col senno di poi, chi può non è al sicuro ma quasi. Maxime Richard (CC Etupes Le Doubs Pays de Montgelliard) ha dato tutto. Il francese ha fatto un buon tiro con il compagno Elliott Pierre. “Con Elliott, siamo stati un po’ onesti. Il frigorifero era molto forte.” Il 7, Maxim Richard si è dovuto ritirare dopo l’incidente, in vista dell’ultima tappa dello scorso anno. “Ho ancora tutto in gola.” Lui, come molti altri, ha l’ambizione di brillare nella Ronde de L’Izard 2021.

READ  El Caterton, co-fondata da LVMH, acquisisce l'italiana Etro

Oggi, abbiamo ancora molta strada da fare per ingoiare i 168 chilometri tra Fautas (Dorn-et-Coron) e Lannemason (Hots Pyrenees). Un passaggio che non avviene nel parco. È elencato come “Valle” dagli organizzatori. Chi arrampica un po’ meno bene dovrebbe tentare la fortuna prima degli ultimi tre abbondanti giorni. Mark Frigo ha già allargato le distanze per la prima fase. Questo è solo un inizio. La Ronde non è mai avara di sorprese, scene e colpi di scena.