Agosto 17, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il disastro italiano solleva interrogativi anche in Francia

Colloquio

È stato il peggior incidente in funivia in Europa in quasi 20 anni. Quattordici persone sono morte nel crollo di una cabina della funivia, compresi cinque israeliani, e una persona sono rimasti gravemente feriti domenica in una località balneare di Beitmond, sulle rive del lago Magior, nel nord Italia. Secondo i primi elementi delle indagini, l’incidente sarebbe stato causato da un cavo rotto. La capanna è poi caduta per una quindicina di metri, poi ha disceso parte del pendio prima di scontrarsi con un albero. Ma dovremmo aver paura di questo tipo di incidente in Francia? Laurent Renat, rappresentante generale del Sindacato delle funivie in Francia, ha risposto a Europe 1 lunedì a mezzogiorno.

Controlla i cavi ogni 3-5 anni

Al momento dell’incidente, solo 15 persone viaggiavano nella funivia da 35 passeggeri. La tesi sull’alto carico è quindi respinta. “Non sappiamo cosa sia successo oggi in Italia e se sia necessario prendere in considerazione misure di controllo in altri Paesi. Generalmente le restrizioni avvengono entro un certo numero di ore o un certo periodo di tempo, ad esempio dopo 3-5 anni per i cavi “, spiega Laurent Renat.

Non si conoscono ancora le cause esatte dell’incidente in Italia. “La gondola stava per raggiungere il motore. Tuttavia, a un certo punto ha cominciato a ritirarsi. La gondola potrebbe aver urtato il palo dell’elettricità sulla via del ritorno”, ha detto Marcella Severino, sindaco di Stressa.

Nel 1999, 20 persone sono state uccise quando una funivia si è ribaltata in Francia

In Francia, 20 persone sono morte a causa della caduta di una funivia dall’Osservatorio astronomico Pic de Bure nelle Hautes-Alpes. Nel 1999, gli esperti hanno affermato che l’assenza di un camion è stata la causa diretta dell’incidente. Rivelati gravi difetti nei freni e nelle condizioni di applicazione. Quindi nessun paese è esente da tragedie.

READ  Il Premio Giudellia per la sua opera originale è stato vinto dall'italiano Giuseppe Bala Thiers (Puy-de-Dôme).

“Nei paesi dell’arco alpino gli impianti di risalita sono scrupolosamente osservati. L’incidente che ha colpito l’Italia è stato terribile. Dobbiamo essere molto umili. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare questo tipo di incidenti”, conclude Laurent Renat.