Ottobre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I datori di lavoro italiani forniscono fabbriche per vaccinare Govt

Inserito il 12 aprile 2021 alle 15:07Aggiornato il 12 aprile 2021, alle 15:34

Ottieni un vaccino più alto e più veloce. Questa l’intenzione del ministro della Salute Roberto SperanzaL’immunità è disponibile per gli over 80 alla fine del mese di quest’estate e per gli over 60 entro la fine di giugno “L’Italia sta aspettando l’arrivo di 50 milioni di dosi di Astrogenega e Pfizer e di 7,3 milioni di dosi di Johnson & Johnson questo trimestre, la prima delle quali sarà consegnata questa settimana. Ma la sfida più grande è il numero di vaccinazioni giornaliere . La soglia dei 300.000 è stata raggiunta mentre il governo ha fissato l’obiettivo di 500.000. La Spagna riceve 400.000 iniezioni al giorno e la Francia 500.000 iniezioni al giorno, la Germania supera le 650.000.

Le fabbriche sono disponibili

Generale Francesco Paulo Figiliolo La responsabilità dell’attuazione della campagna di vaccinazione di massa può dipendere da un partner: i datori di lavoro. Carlo Bonomy, capo di Confindustria, ha proposto di convertire fabbriche e aziende in centri di vaccinazione. Definito un accordo con i sindacati che hanno annunciato che riceveranno circa 7.000 PMI, di cui ora ha aderito il Colosseo dell’Economia Italiana: ENI, Enel, Luxottica, Mediaset… Il Ministero del Lavoro stima in 18 milioni i dipendenti possono essere immunizzati molto rapidamente. Ma per avviare una campagna di vaccinazione nelle aziende, bisogna prima aspettare che vengano vaccinate le persone con più di 60 anni e le persone più vulnerabili. ” Un altro problema è la disponibilità della dose. Alcune aziende potrebbero vaccinare domani mattina, ma sarà disponibile a metà maggio Dice Carlo Bonomi, responsabile di Confindustria.

READ  Shaktom, un editore italiano attacca il mercato francese

Sfiducia nella crescita

La sua organizzazione fa ripresa economica a seconda dei progressi dei vaccini in Italia e in Europa. Al suo interno mostra una certa sfiducia. Le sue previsioni di crescita sono state riviste al ribasso. Dovrebbe essere del 4,1% quest’anno e del 4,2% nel 2022, 0,7 punti in meno rispetto alle previsioni precedenti. ” Non è crescita, ma una lenta uscita dall’abisso, L’organizzazione dei datori di lavoro dichiara, aggiungendo che non compensa “Non le perdite dell’anno scorso”. L’Italia ha registrato la peggiore recessione dell’eurozona nel 2020, con un calo del PIL di quasi il 9%.

Il piano di risanamento deve essere finalizzato

Entro il 30 aprile Mario Draghi Fai il finale ed esponi Progetto Soccorso Italiano Dinanzi al Parlamento prima di presentare alla Commissione europea. ” Usare i fondi del programma europeo è importante per permettere alle nostre teste di uscire dall’acqua, dice Confindustria. Senza questo piano di incentivi, il Paese perderebbe 120.000 posti di lavoro nei prossimi due anni Quasi 1 milione di dipendenti hanno perso il lavoro entro il 2020. I datori di lavoro si aspettano che le esportazioni riprendano a rilanciare il Made in Italy. Sono diminuite del 12,8% lo scorso anno, ma dovrebbero recuperare l’11,4% nel 2021 e il 6,8% nel 2022.