Gennaio 22, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I 10 migliori album jazz italiani

Tutto quello che avresti sempre voluto sapere – o quasi – senza osare sentir parlare di jazz italiano. Dalla colonna sonora della West Coast di Gianni Passo e Oscar Voltambrini, alle avventure di Enrico Pieronunci sull’avanguardia del paese, ai prosperosi anni Settanta di Enrico Rawa e alla fusione di Perigio, questa scelta è sicuramente viziata, con alcune premesse da parte di per sé. I cui dischi sono ormai impercettibili – offre un’ampia visione della straordinaria diversità di una scena italiana i cui protagonisti spesso non sono invidiati dai musicisti americani, come dimostra l’affilato Massimo Urban.

10 album jazz italiani essenziali:

Enrico Pieranunzi

Club leggendario del 7e al viale New York, Village Vanguard ha visto sul palco il grosso del corteo storico del jazz. Ma il musicista che vive ancora oggi è Bill Evans, un compositore indimenticabile che registrò nel 1961 con Paul Modian e Scott Lafaro. Domenica al Village Vanguard. Cinquant’anni dopo, Enrico Pieronunci invitò lo stesso Paul Modian e l’ultimo contrabbassista del trio Evans, Mark Johnson, nell’inverno della sua vita, sotto lo stesso romanticismo dei pianisti. Vivi nell’avanguardia del villaggio Il disco più bello di questo artista romano, la sua carriera è iniziata con l’accompagnamento dei trombettisti Art Farmer e Seth Baker, ed è oggi uno dei musicisti italiani più venerati al mondo. Vivi nell’avanguardia del villaggio (Gioco Jazz/ 2012).

Enrico Rawa

Come puoi capire, in molti casi non puoi accedere al jazz italiano senza citare il nome di Enrico Rawa. Il nostro trombettista è di nuovo qui per il suo album di debutto su ECM, uno dei più mozzafiato della sua ricca e magnifica discografia: Pellegrinaggio e stelle. Siamo al centro della rivoluzione del potere, della fusion, del jazz spirituale e dell’avvento del jazz europeo nel 1975. Rawa è al crocevia di tutta questa musica, e all’età di 36 anni suona già nelle major league con Palle Danielson e John Christensen (musicisti del quartetto di Keith Jarrett) e il chitarrista americano John Abercrombie. . Pellegrinaggio e stelle (ECM/ 1975).

READ  L'italiano Leonardo afferma che la nazionalità dell'acquirente non è un grosso problema nelle vendite di unità.

Stefano di Battista

Sotto l’influenza di Massimo Arpani e Charlie Parker, Stefano de Batista iniziò la sua carriera come sassofonista. Rivelato poi sulla scena francese, a Parigi negli anni ’90 si è affermato come una delle violette più smaglianti della sua generazione. La famosa etichetta Blue Note ha rapidamente preso piede, per la quale ha firmato una serie di cinque dischi. Tra loro, l’umore di Parker, È, come suggerisce il nome, un tributo all’uccello, il suo album di maggior successo. Tutto sta nell’eleganza, nell’abilità, nel materiale, così come in una temperatura frenetica come le ballate. Grazie anche alla sezione ritmica creata dal gigante Kenny Barron al pianoforte, Herlin Riley alla batteria e l’entusiasta Rosario Bonacarzo al contrabbasso. Un album immortalato dal tempo. L’umore di Parker (nota blu/ 2004).

Massimo Arfani

Charlie Parker italiano. Massimo Urbani è solitamente ritratto come un brillante sassofonista il cui idolo, come un uccello, era un artista i cui eccessi gli bruciavano le ali molto rapidamente (all’età di 36 anni). Nato a Roma nel 1957, Massimo si è affermato come uno dei musicisti più importanti del paese e uno dei più grandi popper del mondo alla fine degli anni ’70. Registrato nella sezione ritmica americana del 1979, 360 e Auotopia è un album ispirato da una passione incrollabile di Bargainer che offre uno sguardo sull’immenso talento di questo violinista, a quasi trent’anni dalla sua morte, e l’influenza del suo predecessore. La nuova generazione di gelsomini italiani. 360 Eutopia (Post rossi/ 1994).

Franco de Andrea

Abbiamo paragonato la lettura del pianista Franco D’Andrea a quella di Lenny Tristano, mostrando allo stesso tempo una straordinaria libertà armonica, capace di creare un jazz intenso di ottima raffinatezza. Musica a cui a volte è difficile accedere perché è sempre avventurosa. Esperto del gioco a tre, crea il Modern Art Trio nel 1968, nel cuore degli anni ’70, abbracciando un altro cappello di Perigio con il gruppo di tastieristi jazz-rock. Collaboratore abituale sia di Enrico Rawa che di Le Conidz (che lo avvicina ancora di più a Tristano), D’Andrea è stato uno dei pianisti italiani più ammirati dai suoi colleghi. Lo abbiamo visto in compagnia di Aldo Romano, uno dei più batteristi della penisola in questo disco del 1989, che sembra essere la perfetta porta d’ingresso al suo universo musicale. Volte (Owl Records / 1989).

READ  Castellsarrasin. Ripresa delle lezioni di italiano a Dante Alighieri

Pietro Donolo

canzoni italiane Di gran lunga, e come suggerisce il nome, questo è l’album più italiano di tutti gli album di questa selezione. Un disco che offre una straordinaria versione del sassofonista tenore Pietro Donolo ti penso Lucio Batisti, d La chiamano estate, Di Bruno Martino, o Encore Pensa a una serata fuori durante la cena, di Ennio Morricone. Per un tale record, si sarebbe potuto immaginare che Donoloe si circondasse di compagni che condividessero queste sottili linee mediche. Tuttavia, in compagnia di Joe Chambers (Wayne Shorter, Archie Shepp, il miglior batterista di Bobby Hutcherson…), il fisarmonicista e pianista Gil Goldstein e il contrabbassista Essiet Okun Essiet, i milanesi si unirono generalmente ai compositori più duri. Bob, dai un’occhiata di nuovo a queste famose canzoni. canzoni italiane (Egia/2005).

Perigio

In giro per il mondo, negli anni ’70, sotto l’influenza di Miles Davis, cacciatore di teste e previsioni del tempo di Herbie Hancock, apparve una scena fusion di jazz elettrizzata da rock e funk. In Italia il miglior gruppo di questo decennio è senza dubbio Perigio, il suo album Valle dei Templi Nota che la nuova generazione di strumentisti cita ancora oggi. Musica che evoca il Brock-Rock di Emerson, Lake e Palmer e il Minimalismo di Steve Reich. Tra i musicisti troviamo alcune avanguardie del panorama italiano, come il pianista Franco D’Andrea o lo strabiliante Claudio Fazoli. Un disco che non ha nulla da invidiare alla produzione americana dello stesso periodo. Valle dei Templi (RCA/ 1975).

Tiziana Giglioni

C’è qualcosa di Jean Lee in Tiziana Giglioni, che ha debuttato in discografia nel 1981 con Lonely Woman sotto l’influenza di Arnett Coleman. Quest’ultimo disco, uscito almeno nel 1991, suggerisce proprio questo. sarò in giro, Un dialogo musicale che dirige con il pianista Mal Waltron e il trombettista Enrico Rawa. Un trio per le vette dell’eleganza, un’abilità che rende omaggio a Billy Holiday, i silenzi al centro sono importanti quanto le note, tutte filtrate con estrema eleganza. Rawa’s Breath ottiene accenti di E La Miles e Mal Waltron crea un gioco di profonda depressione, bellezza sconfinata. Sopra quella Tiziana, una delle voci più belle del jazz europeo.. sarò in giro (Nota dell’anima / 1991).

READ  L'italiano Khanna è in testa alla cronometro, e il primo francese Cavagna è 14°

Paulo Frez

Paulo Fresco è noto a quasi tutti in Italia. Un fantastico trombettista, direttore artistico di un festival sulle alture della sua città natale, la Sardegna, produttore di un’etichetta di musica tecnologica e un personaggio pubblico che sa parlare con i politici … insomma, un musicista ad alta velocità e fuoristrada , attesta la sua discografia. Introdotto a metà degli anni Ottanta, precisamente nel primo decennio della sua carriera, si interessava molto alle registrazioni dal vivo come in studio, soprattutto in ottima compagnia dei suoi grandi Gianluigi Drovesi e Dave Leipman. L’occasione per ricordare che il suo vocabolario musicale era così ricco e che Paulo Fresco non si accontentava di essere un Miles Davis italiano, riassume spesso la stampa. Berchida. anni italiani (Iris/1999).

Boss Quintet Waltambrini

A questa associazione appartengono in gran parte le vette del jazz degli anni Sessanta in Italia: Gianni Passo e Oscar Voltambrini. Innanzitutto il sassofonista tenore, che andava matto per Stan Gates, nacque ad Asti nel 1931 e si affermò alla fine degli anni Quaranta. In secondo luogo, Trombettista, nato a Torino nel 1924, ha iniziato come musicista d’orchestra nel 1954 prima di incontrare Passo. Creazione del sestetto italiano: l’inizio di una delle collaborazioni di maggior successo nel jazz europeo. Il loro album Camminare di notte Vieni direttamente dalla costa occidentale degli Stati Uniti: il cool jazz, lo stile di Stan Gates e l’arte dell’orchestrazione e dell’arrangiamento dovrebbero essere ancora più Jerry Mulligan.. Camminare di notte (RCA-Victor / 1960).