Luglio 6, 2022

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Fashion Week: il maschio italiano si oppone


eIn inverno, le coste dell’Arno sono deserte dal turismo di massa. Non pensare che siano vuoti. All’inizio di gennaio, vediamo un animale maschio colorato e osiamo considerare il loro amore alla moda. Questi uomini hanno persino sviluppato uno stile, dice stile பிட்டி, L’evento riunisce tradizionalmente acquirenti e venditori per la più grande sfilata europea di abbigliamento maschile.

Nonostante la crisi sanitaria, è stato buono in forma ridotta dall’11 al 13 gennaio 2022. “E’ stato un incontro leale, aveva senso”, ha detto Rafaello Napoleon, il suo rappresentante generale. L’edizione di gennaio 2022, che propone le collezioni autunno-inverno 2023, sarà senza dubbio segnata da variazioni temporali: il numero degli espositori si è dimezzato – a circa 580 – e le presenze sono diminuite del 30%, soprattutto per l’assenza di americani e asiatici. Il mercato dell’abbigliamento maschile è ancora dominato da acquirenti provenienti da Giappone, Giappone e Corea.

Firenze gioca stabilità

“Molti sono costretti a cancellare la loro presenza. Alcuni potrebbero aver deciso di non venire. Pitti Uomo è davvero al di sopra di tutti per questo evento fashion: non è solo una sfilata prêt-à-porter. Un terzo delle boutique di moda ha dovuto tagliare lo schermo.

Quelli che c’erano, gli italiani e gli europei, vedevano più serietà del solito in questi scambi. L’invenzione dei tessuti attorno ai tessuti riciclati si conferma una forte martingala per i pesi massimi esistenti. Herno Oppure Marco Polo, dirottando in questa direzione l’intera presentazione della propria offerta. “Alla fine, mi sembra che i nuovi arrivati ​​abbiano fatto una scelta strategica forte per il futuro”, ha continuato Rafaello Napoleon.

READ  Morte l'italiano David Sassoli, difensore della democrazia e dell'unità europea

E anche divertente

Questo, nonostante l’assenza di eventi e sfilate: nel tempo, infatti, Pitti Uomo si è affermato come il primo atto di una sorta di settimana della moda italiana, in vista delle sfilate milanesi. “La designer Ann Demulmeister, che doveva essere l’ospite d’onore in questa stagione, ha finalmente cancellato la sua visita, ma ciò non ipotecherà il futuro o la nostra strategia per gli eventi”, ha affermato Rafaello Napoleon.

Per ricordarvi che questo testamento fa parte di una tradizione: è successo proprio a Firenze l2 febbraio 1951 La prima sfilata della Penisola, organizzata da Giovanni Batista Giorgini, fu un imprenditore e imprenditore di Tucson che aveva l’istinto che la moda italiana avesse bisogno di genialità e organizzazione per conquistare il mondo, dagli Stati Uniti al Giappone. Le esibizioni alla Sala Bianca di Palazzo Pitti fecero di Firenze la capitale della moda TransSulfine e, prima della nascita delle band, il centro dell’attrazione industriale era Milano.

Milano si oppone

Tuttavia, in tempi di crisi, il collegamento tra le due città si rafforza. I buyer di Pittsburgh, come di consueto, hanno indirizzato la loro transazione al capoluogo lombardo, ai suoi agenti e showroom. “Non si tratta solo delle parate milanesi”, ha sottolineato Carlo Cabasa, Presidente della Camera della Moda. “Senza dubbio molti sono stati cancellati e ogni casa è naturalmente libera di scegliere”.

Per saperne di piùCarlo Kabasa: “La moda vuole ritrovarsi”

Indubbiamente il valore di codifica e l’impegno di chi mantiene le proprie sfilate è essenziale per l’industria nel suo insieme: non dimenticare che la moda italiana rappresenta 1,2 milioni di posti di lavoro! Come Firenze, Milano decise di usare l’espressione di Claude Impert nel suo editoriale del 25 settembre 1972: “Non disperare di niente”. Punto. “Le vendite dello showroom sono avvenute, le descrizioni fisiche sono ancora lì, sì, ci sono gli spettacoli”, continua Carlo Kapasa.

READ  Katara, Insult, Slampado... 12 Mots Italian Introducibles

Dovrebbe essere (o no)

Se Giorgio Armani avesse scelto di non presentare nulla come un grave colpo simbolico a questa Fashion Week, molti atleti di spicco avrebbero deciso di partecipare. La scelta di Fendi, Prada, Etro o Dolce & Gabbana, Domenico Dolce e Stefano Gabbana è: “Potremmo decidere di non fare nulla, o meglio, la crisi può sembrare sempre pre-rinnovabile. Quindi è un buon momento per ridefinirsi. Come uscire dalla tua comfort zone Devi sapere che oggi più che mai tocca a noi chiederci come attrarre clienti di età compresa tra i 15 e gli 80 anni. L’offerta presentata in mostra è volutamente più fashion, attrae giovani tra i 15 e i 25 anni. Brioni.

Il suo CEO, Mehdi Benabadji, ha deciso di rimanere davvero a Milano offrendo la sua opportunità durante un incontro: “Dovevamo mostrare come è fatta la casa sotto la guida artistica di Norbert Stumpflin. Abbiamo una forte tradizione di ottimi sarti romani, e il nostro l’offerta di misure è importante, così come l’uomo in generale si è evoluto: cercano un guardaroba che unisca ricercatezza e comfort, attenzione alla qualità estrema e ai dettagli, le esigenze della tradizione sartoriale e le esigenze del mondo moderno.

Il risultato? Punteggio passato per apparizione sapendo come giocare con i simboli. “Questa diversità continua ad essere un punto di forza del Milan”, ha affermato Carlo Cabasa. Poi la crisi sanitaria dà più forza e realismo alla famosa “Foto in Italia”. Da molto tempo fa rima con qualità e creatività. Dura più a lungo e risuona sempre di più. Parlare così fiducioso. Claude Impert ha sempre ragione.