Settembre 16, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Euro: Siellini, una canzone per la gioia del giocatore italiano

Pubblicato: Cambiato:

Roma (AFP)

Ha confuso Romelu Lukaku nel test e ha diretto lo spettacolo contro Jordi Alba. A Euro, il giocatore senior Giorgio Ciellini esplode con il suo ultimo big match contro l’Italia, sognando di finire il trofeo siglando il trofeo domenica (21:00) a Wembley.

“Finalmente bene? Ne riparleremo se arriviamo a Wembley…” A un mese dalla prima partita contro la Turchia, Chillini già sorrideva così. Un giornalista gli ha chiesto se la partita fosse finalmente “perfetta” per vincere un titolo internazionale a quasi 37 anni.

# Foto1

“Torre di Pisa” (nato nell’agosto 1984) ha collezionato titoli nazionali: nove volte campione italiano e vincitore di cinque trofei italiani con la Juventus, è stato anche campione in 2a e 3a divisione.

Ma quando si tratta di competizioni internazionali, il suo record è quasi vuoto, con un solo titolo di campione europeo in 19 anni …. con Euro in Champions League (2017) e Nacional in Euro (2012), ha perso entrambe le finali che ha giocato. In giovane età, non è stato selezionato per la Coppa del Mondo 2006, che l’Italia ha vinto.

# Foto2

Questa potrebbe essere la sua ultima grande occasione con la maglia dell’Asuro visto che il suo fisico appare sempre più fragile. Ottobre sembra essere gli ultimi quattro trofei meno importanti della Società delle Nazioni in casa, e il Mondiale 2022 è ancora molto lontano.

Ma se sente qualche pressione, non si vedrà.

– Energia da vendere –

Dall’inizio del torneo è amico del capitano Leonardo Bonucci, dei suoi compagni di squadra, e 108 presenze con 111 selezioni.

READ  Nuovi giovani del tennis italiano

Ma soprattutto il “cattivo della difesa” ha energia e buon umore fin dalla prima partita, irrigidendosi di fronte a un avversario.

Dopo un’umiliante sconfitta ai Mondiali del 2018, Chillini è arrivato all’euro con una “incredibile voglia di recuperare”: “Non possiamo dimenticarlo, ma siamo riusciti a trasformare la delusione in eccitazione”, ha detto.

Di fronte ai turchi (3-0), questa voglia di rivincita è stata chiara: ha giocato quasi a centrocampo, spingendo la sua squadra ai massimi livelli. Contro gli svizzeri (3-0), si credeva che avesse segnato il suo nono gol con Nacionel, ma prima che il VAR lasciasse la sua famiglia, gli è stata negata una manciata prima di essere superato da un infortunio muscolare.

# Foto3

Contro il Belgio, ha mormorato Lukaku “vecchio stile”, con un’identità severa, e ha regalato a Kevin de Bruyne un sorriso luminoso dopo un tiro potente senza esitazione.

# Foto4

“Pompiere” più che un pompiere –

E contro il capitano spagnolo Jordi Alba, poco prima del successo ai rigori in semifinale, si è voltata pagina dello spettacolo: davanti alle telecamere, abbiamo visto Chillini spingere un po’ il compagno di squadra e poi improvvisamente abbracciarlo. Lo spagnolo, molto teso, sembrava essere scioccato da questo italiano montato nelle fontane.

# Foto5

Chillini contesta questo euro con il sollievo e la mitezza di chi pensava che la festa si sarebbe svolta senza di lui.

Essendo stato infortunato per la maggior parte della stagione precedente, potrebbe non essere stato in grado di competere agli Europei l’anno scorso e ha approfittato del rinvio di un anno, doveri epidemici, per rimettersi in piedi.

Un silenzio che condivide con i compagni: “Il mio ruolo è quello di fare il pompiere, abbassando la tensione. Non c’è bisogno di aumentare la pressione, l’adrenalina arriverà fino in fondo. Da solo”, ha detto prima dei cambi.

READ  Piano di rilancio italiano: Drake punta sulle riforme per attirare capitali privati

Il suo futuro in un club non sembra preoccuparlo.

Se vuole estendere l’avventura alla Juventus, gioca dal 2005 e attualmente è ufficialmente senza club dal 30 giugno, con il suo capitano Gianluigi Donnarumma o la stella del FC Barcelona Lionel Messi. “Queste sono le dinamiche di un anno strano. Ma stiamo tranquilli e Messi pensa più di me”.