Settembre 16, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Dal francese all’italiano, la parola è una metamorfosi

Sappiamo che le parole cambiano forma nello spazio a causa degli effetti di traduzione, ma in alcune hanno un doppio significato, senza dubbio, a volte pazzesco. Un viaggio nella storia delle parole e del loro significato modificato, dal francese all’italiano.

ou, லா மெஞ்சிகாபூ, லா பிபிடி போபிடி பொ, Mescola tutto, cosa hai? BPT BPT Bou ! La formula magica della madrina di Cenerentola (Walt Disney) trasforma una zucca in un carretto. Bella mossa ma non scontata con noi, forse… con le parole. La loro storia mostra davvero che possono avere un significato, da un albicotabra che non si vede mai accadere, a trovare qualcosa che non ha niente da vedere altrove. Sappiamo per certo che le parole cambiano forma nello spazio per effetto della traduzione, ma in alcuni casi l’indubbia, a volte ridicola duplicazione, è bloccata in un angolo della storia.

Siamo onesti, i carrelli non si trasformano necessariamente in zucche. In Francia si trasformano in salsa fredda, in Italia è molto chic, bussola. “Porterai un aceto con me al castello?” : Quello che sembra il desiderio di un vecchio marchese è in realtà solo un invito casuale a re, favoriti e bellissime clessidre. Poiché Vinegret si riferisce a una sedia da portiere chiusa, è più di moda perché è molto più maneggevole e veloce di un potente trainer. Beh, l’aceto non è molto attraente, ma ha senso: ci ha ricordato le carriole usate dagli acetai per intrufolarsi in città. Da parte italiana c’è aceto scritto e pronunciato alla francese, che non è una paletta, ma un condimento per l’insalata come lo conosciamo. Ma la berlina trainata dall’uomo era chiamata la sedia (la nostra medicazione del Grand Century) Bussola (Bussola). Perché ha trovato la direzione automaticamente? Poiché era di legno con serrature laterali, sembrava una scatola. Betty poi ha detto a se stessa Bussola.

I portali subiscono la stessa trasformazione in Francia e in Italia: diventano scrittori o… notabili. Ehm, un’altra storia per distinguersi. Ancora abbastanza per andare in latino cancellalo (Griglia) per vedere chiaramente. L’ostacolo che ne deriva (arti) significa perdita di equilibrio, ma anche coinvolgimento nel lavoro laddu. OK. Il significato simbolico è venuto fuori, perché non hai visto la cosa sotto un ragazzo. Mi piace l’italiano Rimuovere (Distrugge oggi), al suo inizio, significa Coprire il coperchio Con uno Al cancello (Chiudere con una bocca). Il tempo cambia e le buone abitudini appassiscono, perché prima delle gengive selvagge e della distruzione più o meno anarchica, ci siamo applicati per disegnare delle linee verticali e orizzontali piuttosto piccole (un piccolo portale) sulla parola per rimuovere e nascondere e scomparire. . E i notabili? Liscio. Eccoli con i principi francesi, Cancelliere Italiano: Devono il loro nome a cancelli e piccoli portali (cancelli) Separazione di giudici e re dal pubblico, come cauzione, sono responsabili della sicurezza.

READ  Caffè: i segreti dell'espresso italiano

Un “miglior aperitivo”, davvero?

Faremo attenzione quando francesi e italiani seguiranno lo stesso percorso passo dopo passo e dall’inizio alla fine. Diamo un’occhiata all’aperitivo e alle bestie possenti. Aperitivo, Fame (apiario latino, “aperto”) racconta la storia di un cattivo mix da bere da soli che si è trasformato in un buon momento da condividere con gli amici. In passato gli avvocati hanno suggerito due o tre chip per aprire i nostri quartieri, un modo per citare, diciamo, depurativi e diuretici. In seguito, la parola divenne più armoniosa, indicando una bevanda alcolica che suscitava appetito. parola potente, Potente, All’inizio “spaventoso” (l’antenato latino Formido è uno spaventoso) perché fa paura anche uscire dall’ordinario, “sciocchezza”. Quindi il dizionario ci consiglia di stare attenti: se ci viene offerto un meraviglioso aperitivo, a seconda dell’ora in cui la macchina del tempo ci ha lasciato, un delizioso cocktail o un pessimo prodotto detergente che stiamo per servire.

Questo ci spinge a non leggere le lingue nei libri di testo dei nostri bisnonni, dove le parole che compaiono possono rispondere bene al modello zucca-carretto-zucca, e non prendere la decisione giusta se abbiamo delle belle sorprese. BPT BPT Bou!