Ottobre 27, 2021

DotCycle

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Arrestato in Brasile un capomafia italiano latitante dal 2019

Robo Morabido, il capo del clan mafioso, è stato arrestato lunedì in Brasile in attesa di essere estradato in Italia dopo un’incredibile fuga da una prigione uruguaiana nel giugno 2019.

Robo Morabido, il capo del clan mafioso, è stato arrestato lunedì in Brasile in attesa di essere estradato in Italia dopo un’incredibile fuga da una prigione uruguaiana nel giugno 2019. Rocco Morabido, un alto funzionario della Ndrangheta, una mafia calabrese particolarmente potente coinvolta nel contrabbando di cocaina, è stato arrestato a Joao Pessoa (nord-est) grazie a “un’indagine congiunta tra Brasile e Italia”, ha detto in una nota la polizia federale brasiliana.

Arrestato anche Vincenzo Pasquino, uno dei suoi più stretti collaboratori al suo fianco. Secondo la polizia brasiliana, domenica una squadra di poliziotti italiani si è recata in Brasile per arrestare il secondo ricercato italiano, dove è già stato condannato a 30 anni di carcere per un reato di natura mafiosa. Martedì il ministro dell’Interno italiano Louisiana Lamorgis ha sottolineato la necessità di “due anni di indagini complesse e complete” per trovare il “leader della ndrangheta”.

Originario dell’Africa, paese della Calabria meridionale (la “punta” di origine italiana), Rocco Morabido, 54 anni, è stato uno dei capi più importanti del clan “Africa Nouvo”. Negli anni ’90, divenne noto come il “Re della cocaina” nella capitale economica italiana di Milano (nord), dove gestiva il traffico di droga dal Sud America. “Rocco Morabido è coinvolto nel traffico di droga tra il Brasile e l’Europa dagli anni ’90”, ha confermato la polizia brasiliana, ha detto martedì in una conferenza stampa.

READ  Negativo il test antidroga del cantante della band italiana

Passaporto falso

La Corte Suprema brasiliana ha ordinato l’arresto di Rocco Morabido, soggetto a un avviso rosso dell’Interpol per il suo coinvolgimento nell’Organizzazione internazionale per il traffico di droga dal 1988 al 1994. Tra gli altri reati, è accusato di contrabbando di droga in Italia e di aver tentato di importare 592 kg di cocaina dal Brasile nel 1992 e 630 kg nel 1993.

Rocco Morabido, 23 anni, si è rapidamente guadagnato una reputazione nel mondo della droga locale ed è diventato una delle persone più sexy del mondo di notte. La valigia dei biglietti per i rapitori colombiani e la sua escursione di meteoriti hanno attirato l’attenzione della polizia italiana. Arrestato a Milano nel 1994, era ricercato dai tribunali del suo Paese, che lo hanno condannato a 28 anni di reclusione, dopodiché la pena è stata aumentata a 30 anni di reclusione.

L’italiano è stato arrestato nel settembre 2017 in un hotel di Montevideo dopo aver vissuto per 13 anni nella famosa località balneare di Punta del Este, a 140 km dalla capitale uruguaiana. Ha effettivamente ottenuto documenti uruguaiani rilasciando un falso passaporto brasiliano a nome di Francisco Antonio Capeleto Sousa, ma è rimasto smascherato dopo aver iscritto sua figlia al college sotto la sua vera identità. Nel 2018 la giustizia uruguaiana gli ha permesso di essere deportato in Italia, ma nel giugno 2019 è scappato dal carcere centrale di Montevideo con altri tre detenuti attraverso un buco nel tetto, corrodendo indirettamente diverse guardie. L’aereo ha iniziato invano una vera caccia, che ha portato alle dimissioni del capo dell’amministrazione penitenziaria.

READ  Lusso: un mercato italiano in completo restauro

Qualsiasi allevamento è vietato